TRIBUNALI, BOCCIATO EMENDAMENTO DEL DEPUTATO COLLETTI: QUESTO DIMOSTRA INTERESSE SOLO DI FACCIATA

E’ stato dichiarato inammissibile l’emendamento del deputato Andrea Colletti, che prevedeva la proroga fino al 31 dicembre del 2024 dei quattro tribunali abruzzesi, a rischio chiusura, Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto. La bocciatura dell’emendamento, come riferisce Colletti, è arrivata direttamente dal presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia del M5s. “Questa è la dimostrazione che nessun gruppo di maggioranza, al di là delle dichiarazioni di facciata, ha intenzione di fare nulla, per questi quattro presidi” sottolinea il deputato. “Sono prorogate al 31 dicembre 2024 le piante organiche del personale amministrativo dei tribunali delle circoscrizioni di L’Aquila e Chieti soppressi – si leggeva  nell’emendamento dichiarato inammissibile -. Entro trenta giorni dall’entrata in vigore della presente legge e per tutto il periodo corrispondente all’arco temporale della proroga si provvede con appositi provvedimenti del Ministero della Giustizia alla riapertura di una pianta organica flessibile di tale personale da assegnarsi ai singoli distretti con individuazione anche dei posti giudicanti e requirenti, il tutto ai sensi dell’articolo 4, comma 1 e 2, della legge 13 febbraio 2001, n. 481, come modificato dal comma 432 della legge di bilancio per l’anno 2020”. “Mantenere aperti i tribunali vuol dire tutelare anche l’economia dei territori, già duramente colpiti dalle conseguenze della pandemia. Il rischio è che queste conseguenze socio-economiche siano pesantissime” conclude Colletti.

 

2 pensieri su “TRIBUNALI, BOCCIATO EMENDAMENTO DEL DEPUTATO COLLETTI: QUESTO DIMOSTRA INTERESSE SOLO DI FACCIATA

  • 6 Novembre 2021 in 08:32
    Permalink

    Anche l’ospedale si deve chiudere, è uno stesso disguido di bruttacci e di sfortunati. La illusione di queste zone minori è proprio che in queste strenue istituzioni periferiche ,poi, da Roma, ci semplicemente destinano come una discarica del razzismo, una selezione di personale variamente problematico come lo stesso per accadimento di natura queste aree interne più povere sono ricostituzioni già di ritorno dei meno adeguati respinti dalle società più belle ricche e brillanti delle migliori metropoli. e zone del mondo.
    Quindi è più prudente avere un solo grande ospedale regionale specializzato con personale idoneo nella preparazione scientifica nel corpo e nella mente ,e se , in malaugurata ipotesi ti occore ti ci rechi con fiducia, piuttosto che entrare con perplessità in questi luoghi dove non sai chi trovi e perché lo hanno retrocesso a Sulmona.
    A Sulmona è necessario soltanto un probto soccorso di primo intervento.

  • 5 Novembre 2021 in 17:17
    Permalink

    Tutti soloni, poi ognuno per i fatti suoi: bravi, anzi bravissimi.
    E’ la solita minestra riscaldata, al momento di chiedere i voti si presentano, poi spariscono.

    1
    1

I commenti sono chiusi