PROGETTI EUROPEI IN CITTA’ PER OLTRE UN MILIONE DI EURO, CALORE: SULMONA ALL’AVANGUARDIA IN ABRUZZO

Sulmona in Europa c’è, eccome se c’è. L’Abruzzo interno infatti si aggiudica un altro importante progetto europeo a favore della digitalizzazione e imprenditoria femminile. Un progetto sul quale si è molto puntato alla luce anche delle nuove politiche europee e del Pnrr. Un progetto di cooperazione e di applicazione pratica che vedrà coinvolti anche Grecia, Belgio, Bulgaria e Cipro. Un progetto europeo che affronta la tematica sul contrasto alla violenza di genere perinatale. L’annuncio viene da Stefano Calore, professionista sulmonese e project manager impegnato sia nella scrittura che nella gestione dei progetti. “Sulmona continua a stupire, aggiudicandosi nell’ultimo mese tre nuovi progetti europei dal valore complessivo che supera il milione di euro, confermando ancora una volta prestazioni da grande città e sicuramente la migliore a livello regionale” sottolinea Calore, con entusiasmo e legittimo orgoglio. “Dal 2017, la città di Sulmona vive un’esperienza senza precedenti per quanto riguarda la partecipazione ai progetti europei riferiti, in modo particolare, all’inclusione sociale. Tutto è iniziato con un piccolo progetto a valere sul programma Erasmus plus 2014-2020 dal titolo “Save Youth Against Gender Based Violence” (SAVE), che affrontava la tematica della violenza di genere attraverso i social network” ricorda il project manager.  “Da quella piccola, ma costruttiva esperienza, che vide la partecipazione di ben quattro Paesi stranieri come Croazia, Spagna, Armenia e Giorgia, la città di Sulmona è diventata in soli quattro anni il fiore all’occhiello a livello regionale per la progettazione europea” tiene a sottolineare Calore, ricordando che “dal progetto SAVE in poi alcune rinomate cooperative sociali, associazioni e società operanti da anni nel territorio peligno e non solo, sono state coinvolte insieme anche al Comune di Sulmona e alla Regione Abruzzo in progetti europei di estrema importanza, i quali hanno permesso non solo di ottenere importanti finanziamenti, ma anche di aumentare la visibilità internazionale sia degli attori privati e pubblici in gioco, ma anche di tutto il territorio”. “Per dare contezza della rivoluzione che la città di Sulmona sta vivendo rispetto alla progettazione europea, basti pensare che negli ultimi anni sono stati avviati in questo territorio progetti come Children First, un progetto che affronta la delicata tematica della violenza domestica assistita che vede la Cooperativa Sociale Horizon Service come capofila di progetto; il progetto WEET coordinato dal Comune di Sulmona in partner con il Comune gemellato di Šumperk, dedicato ad analizzare il sentimento dell’euroscetticismo tra i giovani; il progetto MARTE che vede la Cooperativa Nuovi Orizzonti Sociali dedicarsi alla tematica delle esperienze infantili avverse; Il progetto EYESS sul contrasto alle discriminazioni attraverso lo sport” precisa il project manager.  “Progetti che, tra l’altro, hanno tutti un budget complessivo considerevole che si aggira sui 500mila euro ciascuno e che consentono quindi alle organizzazioni del territorio di assumere personale da dedicare all’implementazione dei progetti – riprende Calore – questi dati evidenziano ancora una volta come oggi, nel 2021 e a fronte del periodo di crisi dovuto alla pandemia che ha messo in ginocchio un intero Paese e aggravato ulteriormente le condizioni economiche e sociali dei comuni delle aree interne, si rende necessario, se non obbligatorio, attingere in modo frequente alle innumerevoli risorse messe a disposizione dall’Unione Europea”. Il nuovo bilancio comunitario, rafforzato dal Next Generation EU, compie uno sforzo in termini economici senza precedenti, definito infatti dagli addetti ai lavori un Piano Marshall 2.0. Concludendo Calore rivolge un invito alla nuova amministrazione guidata dal neo sindaco Gianfranco Di Piero, auspicando di “dare seguito concreto all’ufficio unico di progettazione europea del Comune di Sulmona costituito e inaugurato nel mese di luglio 2021, e di cominciare a realizzare una programmazione strategica per la città utilizzando le risorse messe a disposizione sia dal bilancio comunitario 2021-2027 che dal Pnrr”. 

 

2 commenti su “PROGETTI EUROPEI IN CITTA’ PER OLTRE UN MILIONE DI EURO, CALORE: SULMONA ALL’AVANGUARDIA IN ABRUZZO

  • 24 Ottobre 2021 in 09:24
    Permalink

    Complimenti Stefano! Come sai, anche noi di “Web per tutti” (piccola associazione di circa 50 soci) speriamo di avere interlocutori con questa nuova amministrazione.
    Sono 6 anni che lavoriamo solo con l’Europa mentre in casa veniamo ignorati, nonostante richieste e progetti presentati. I nostri progetti, finanziati dall’Europa, riguardano lo sviluppo delle aree remote, la riduzione del divario digitale culturale e generazionale, la valorizzazione del patrimonio artistico di Sulmona (vogliamo creare tour virtuali, da pubblicare online, dei principali monumenti), ecc…
    Speriamo di continuare nella realizzazione dei nostri progetti e di non perdere la fiducia nell’amministrazione!

  • 23 Ottobre 2021 in 15:04
    Permalink

    Anche l’associazione di promozione sociale “Web per tutti” di Sulmona si trova al 4° progetto Erasmus sull’educazione degli adulti. L’ultimo progetto ha un budget di 209000€. Il tema di fondo dei vari progetti é sempre il divario digitale.

    6
    1

I commenti sono chiusi