RIAPRONO LE TERME DI POPOLI

Lunedì prossimo, 11 ottobre, torneranno in piena attività le Terme di Popoli. Ad annunciarlo è il direttore sanitario Sergio Mariotti. “Quest’anno l’apertura è stata molto ritardata in attesa della soluzione definitiva delle problematiche coinvolgenti la Società proprietaria Terme di Caramanico. Fortunatamente, nonostante il triste epilogo per quest’ultima, lo stabilimento di Popoli ha visto dimostrato il possesso di requisiti economici, finanziari e di operatività quantomeno sufficienti per tornare in attività, requisiti che hanno anche permesso alla Asl di Pescara di versare i dovuti contributi di ristoro, contributi stanziati già l’anno scorso dalla Regione Abruzzo per le attività produttive più colpite dalla pandemia” spiega il direttore sanitario delle Terme di Popoli. “Ovviamente a tutt’oggi le cure termali erogate a Popoli continuano ad essere tutte convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale, mentre purtroppo, nonostante tutte le promesse che ciclicamente provengono da parte degli organi regionali, le attività riabilitative continuano ad essere eseguibili solo a pagamento e questo dopo un intero lustro di accreditamento con il Sistema Sanitario Regionale” aggiunge Mariotti. Le cure termali convenzionate disponibili presso le Terme di Popoli sono praticamente tutte quelle classiche del circuito nazionale (cure inalatorie, insufflazioni, fanghi , bagni, percorsi vascolari, cure idropiniche), mentre nell’area riabilitativa gli schemi preferiti dagli utenti rimangono quelli di riabilitazione termale integrata incentrati soprattutto su un ampio uso della riabilitazione in acqua nelle piscine termali accompagnato da attività manuali di mobilizzazione, massaggio e linfodrenaggio e dalle terapie fisiche strumentali (Tecar, Laser, Magneto, ecc). Persistono anche quest’anno le regole di accesso e di utilizzo delle cure legate al rispetto delle norme nazionali di contrasto alla pandemia CoVid 19, fra cui ovviamente l’obbligo di prenotazione al recapito telefonico 085.987781 del proprio ciclo di cura o del semplice accesso allo stabilimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *