CELANO-FOGGIA, ALLA RISCOPERTA DEI TRATTURI ATTRAVERSO IL CENTRO ABRUZZO

Celano-Foggia è il Workshop internazionale di urbanistica partecipata per la rigenerazione dei paesaggi tratturali nei comuni tra Celano e l’Altopiano delle Cinque Miglia, che ha seguito in  quattro tappe  la tratta abruzzese dell’antico percorso legato alle pratiche della Transumanza, inserita nel 2019 dall’UNESCO nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale. Tale workshop si è articolato in quattro tappe, da martedì 5 a venerdì 8 ottobre, coniugando assieme attività di indagine sul campo ad attività seminariali e di partecipazione e incontro con amministratori e comunità locali, toccando in particolare i comuni di Celano, Collarmele, Pratola Peligna, Pettorano sul Gizio e Rocca Pia.  Alla ricerca del Tratturo/Looking for Tratturo, è un workshop internazionale che ha coinvolto tre università, il Dipartimento di Architettura di Pescara, la Facoltà di Scienze dell’Habitat di Bogotà, la Facoltà di Architettura e Urbanistica di Tirana, e si è svolto in modalità mista, in presenza e in streaming, anche in forma di workshop itinerante, en plain air, lungo il tracciato della tratta abruzzese dell’antico tratturo Celano Foggia. Tale iniziativa ha proposto con successo,  in primis ai suoi partecipanti – studenti dei corsi di laurea delle tre università partner – un articolato percorso di indagine sul campo, che è anche ricerca partecipata, riscoperta di percorsi, luoghi, spazi, paesaggi, beni comuni territoriali legati alla civiltà della transumanza, l’antica pratica che ha per molti secoli segnato e costruito i paesaggi interni dell’Italia centrale e meridionale. Tale indagine ha assunto come filo conduttore la ricerca e la restituzione attraverso mappe collaborative del tracciato e dei suoli legati alla presenza del Tratturo Celano Foggia, l’antico e largo sentiero erboso, pietroso o in terra battuta, sempre a fondo naturale, modellato dal passaggio e dal calpestio degli armenti su direttrici concesse da tradizione e normativa, utilizzate dai pastori per compiere la transumanza, ossia per trasferire con cadenza stagionale mandrie e greggi da un pascolo all’altro, in un periodo tradizionalmente compreso tra il 29 settembre (festa di San Michele) e l’8 maggio (apparizione dell’arcangelo Michele presso la grotta di Monte S.Angelo sul Gargano). La riscoperta e la trascrizione di tale tracciato dapprima sulle mappe, poi, attraverso atti materiali di diversa natura, nei territori reali attraversati dal Tratturo, è così diventata occasione di monitoraggio civico sulla condizione attuale di un bene ancora in gran parte di proprietà demaniale, sui suoi usi attuali e potenziali, e per la elaborazione di scenari e proposte progettuali che assegnano ai suoli del Tratturo la condizione, inedita, di “bene comune territoriale”, spazio e risorsa per  la reinvenzione attiva di vecchie e nuove pratiche economiche e comunitarie. L’evento è stato, e continuerà ad essere, nei suoi sviluppi successivi, anche attraverso le attività didattiche del seminario di laurea intersede Italia-Colombia-AlbaniaLab, anche, un laboratorio di urbanistica partecipata e per la potenziale attivazione di progetti e di azioni immediate di tactical urbanism per la rigenerazione dei paesaggi tratturali, in particolare, per la tratta che interessa i territori della province abruzzesi del Tratturo Celano Foggia, e in particolare i comuni di Celano, Aielli, Cerchio, Collarmele, Pescina,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *