GREEN PASS INSEGNANTI DISCRIMINATORIO, MAESTRA SULMONESE PRONTA ALLO SCIOPERO DELLA FAME

E’ pronta allo sciopero della fame una maestra di Sulmona, in servizio presso una scuola dell’infanzia di Collarmele, che dichiara battaglia contro l’obbligatorietà del certificato verde per i docenti. Lo annuncia lei stessa in una lettera inviata al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.  “Oggi mi è stato impedito di entrare – dichiara l’insegnante, Alba Silvani – resterò qui, metterò in atto uno sciopero della fame per chiedere il rispetto del diritto costituzionale al lavoro e contro ogni forma di discriminazione”. “Non c’è nessun bisogno di imporre il Green pass a una categoria, quella degli insegnanti, che ha raggiunto il traguardo del 92% di vaccinati e quindi ha superato l’obiettivo dell’immunità di gregge”. Albani ritiene l’obbligo “discriminatorio perché il tampone imposto agli insegnanti ogni 48 ore, non solo è fortemente invasivo e insostenibile sul piano sia sanitario sia economico, ma rappresenta una discriminazione rispetto ad altre categorie, come i parlamentari e i lavoratori del Parlamento che possono entrare senza obbligo di Green pass: proprio i parlamentari che fanno le leggi valide per tutti gli altri cittadini! I parlamentari non debbono esibire nulla, mentre a noi si chiede la tessera verde per poter lavorare. E’ giusto questo?”. Poi rilancia: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro (art.1 della Costituzione) e non sul Green pass. L’obbligo del Green pass è anche contro l’art.3 della Costituzione che, tra l’altro, vieta ogni discriminazione rispetto a condizioni personali e sociali”. Davanti alla scuola sono arrivati i Carabinieri per acquisire informazioni, in una situazione di assoluta tranquillità.

Un commento su “GREEN PASS INSEGNANTI DISCRIMINATORIO, MAESTRA SULMONESE PRONTA ALLO SCIOPERO DELLA FAME

  • 15 Settembre 2021 in 12:04
    Permalink

    Che vi siano discrimanzioni sul green pass è noto, ma si tratta di processi in divenire e quindi perfettibilei. La maestra che scomoda la costituzione dovrebbe sapere che il suo comportamento di non vaccinarsi può comportare un danno alla collettività. Dunque se è libera di non vaccinarsi, e rispetto questa scelta, non può essere altrettanto libera di nuocere al prossimo (intendendo per prossimo letteralmente chi può essere vicino). Lei potrebbe essere una asintomatica e quindi contagiare gli altri. Se vuole entrare a Scuola (anche se molti sono vaccinati) si faccia i tamponi, pagando, e così tutti sono tranquilli.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *