BIANCHI SI CANDIDA A SINDACO IN…DIREZIONE SULMONA

Cinque anni sui banchi di palazzo San Francesco, tra i gruppi di minoranza, nel centrodestra e sempre attenta ai problemi più urgenti. Il consigliere comunale Elisabetta Bianchi annuncia la sua candidatura a sindaco della città, dando prova di coraggio, con la lista Direzione Sulmona e non risparmia frecciate all’indirizzo di alcuni esponenti del centrodestra, che ora rivendicano ruoli di primato nella stessa coalizione. “Arrivata a fine mandato desidero confessare l’orgoglio di essere stata per cinque anni a servizio della nostra città come consigliere comunale e per questo ringraziare tutti coloro che nel tempo mi hanno manifestato fiducia e apprezzamento; cinque anni di proposte e di confronti serrati sempre e solo nell’esclusivo interesse della città di Sulmona – afferma Bianchi – Ancor di più fiera per essere stata l’unico punto di riferimento del centrodestra cittadino nell’Istituzione, atteso che altri che ora rivendicano il potere egemonico sulla coalizione di centrodestra, nel 2016 erano impegnati nella costruzione di altri progetti politici contribuendo alla elezione della Casini, tanto da ottenerne la vice sindacatura e l’assessorato al Commercio ed al Personale con due gruppi consiliari a sostegno per almeno la metà del tempo del mandato naturale”. “Sempre estranea a queste dinamiche, la mia è stata l’esperienza straordinaria di una cittadina coscienziosa che, avendo toccato con mano le questioni che da anni bloccano la città ha voluto impegnarsi in prima persona dando il suo contributo di metodo, conoscenza ed esperienza. Questo significativo percorso nelle Istituzioni mi ha consentito di vivere più da vicino e sul campo le tante esperienze di vita di molti in città e non solo anche all’interno di movimenti e partiti, ed è proprio grazie a loro che oggi mi accingo con rinnovata forza ed entusiasmo a continuare il percorso proponendomi come significativa alternativa al centrosinistra di Gianfranco Di Piero, ai civici di Andrea Gerosolimo ed al centrodestra così come proposto da Vittorio Masci” sottolinea. “Proveniendo dal gruppo consiliare di FdI nel quale ho lavorato con grande lealtà e generosità di pensiero e d’azione, sarebbe stato naturale e fisiologico aderire al progetto di un centrodestra unitario ma l’utilizzo del metodo elitario ed oscuro al lavoro da tempo, oggi disvela tutti i suoi limiti con l’esclusione delle molte componenti politiche cittadine tra le quali quella dalla quale provengo, al fine evidentemente di evitare di vincere le elezioni ma di limitarsi ad occupare selezionatissimi scranni di minoranza per pochi. Invece i valori della città di Sulmona e della sua popolazione sono e continueranno ad essere rappresentati da noi, che andremo al ballottaggio con i civici o con il centrosinistra, ma coerentemente con lo sguardo attento di sempre sulla nostra terra d’Abruzzo in…direzione Sulmona” conclude il candidato sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *