AGGRESSIONE A PACENTRO, I CARABINIERI DENUNCIANO L’IMPRENDITORE PER LESIONI AGGRAVATE. IL RACCONTO DEL FERITO

E’ stato denunciato per lesioni personali aggravate l’imprenditore di origine rumena, G.F., residente da anni a Pacentro che la notte scorsa ha aggredito un dipendente della Pavind con una spranga, procurandogli un trauma cranico, la frattura della clavicola e facendogli saltare quattro denti. L’uomo è stato ricoverato nel reparto di Chirurgia dell’ospedale dell’Annunziata ed è tenuto sotto stretta osservazione dei medici, soprattutto per quanto riguarda l’ematoma che si sarebbe sviluppato a seguito dei colpi subiti sulla testa. Da indiscrezioni trapelate dagli ambienti investigativi, all’origine dell’aggressione ci sarebbero vecchi rancori legati alla proprietà di un terreno. Anche se dal racconto della vittima emergono altri scenari, molto diversi dal contenzioso per la proprietà. È lo stesso 40enne che li rivela. “Erano quasi le 22 e stavo prendendo un po’ d’aria fresca seduto fuori dalla mia abitazione con mia madre e altre due signore”, racconta l’uomo raggiunto telefonicamente in ospedale dove si trova ricoverato nel reparto di chirurgia. “L’indomani dovevo riprendere il mio lavoro a Sulmona e ho deciso di andare a letto. Proprio mentre mi accingevo a salutare è venuto quell’energumeno infuriato e rivolgendosi a me ha detto che la dovevo smettere di guardare la camerata della figlia accusandomi di essere un pedofilo. È entrato nel garage ha preso una spranga di ferro e mi ha colpito tra il viso e il collo e sulla testa. Non contento ha provato a colpirmi anche quando ero a terra dicendomi che mi avrebbe fatto ammazzare dai suoi amici che sarebbero arrivati dalla Romania”.

Un commento su “AGGRESSIONE A PACENTRO, I CARABINIERI DENUNCIANO L’IMPRENDITORE PER LESIONI AGGRAVATE. IL RACCONTO DEL FERITO

  • 23 Agosto 2021 in 16:51
    Permalink

    La notizia sembra abbastanza precisa e completa.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *