COMITATO VALLELARGA: PER DIFENDERE PERSONE, COLTURE E ALLEVAMENTI BISOGNA ABBATTERE I CINGHIALI

“Il numero eccessivo di cinghiali, presenti sulle nostre montagne e sempre più prossimi nei nostri paesi, spinge l’orso ad uscire dal suo territorio fino ad arrivare in paesi e città”. Lo afferma Domenico Ventresca, del comitato frazione Vallelarga di Pettorano, che prosegue nella sua battaglia a tutela di agricoltori e allevatori, sempre più danneggiati in colture e allevamenti dalle incursioni di animali selvatici. “Persone esperte, non certo dilettanti, hanno attestato in questi giorni quanto da me affermato – sostiene Ventresca – è possibile contenere la presenza dell’orso entro i confini delle aree protette ma bisogna ricorrere, per forza di cose, all’abbattimento straordinario dei cinghiali, che da tempo rappresentano un rischio per terreni agricoli e allevamenti ma anche come causa di incidenti automobilistici, roba da non trascurare, come fanno alcuni ambientalisti integralisti e superficiali, che pensano solo alla legittima difesa degli animali ma non hanno preoccupazione minima per i diritti di chi lavora e per la tutela della vita delle persone, che evidentemente vale meno di quella di tanti animali, che pure meritano rispetto”. Insomma Ventresca ed il suo comitato non si fermano, non si arrendono e chiedono misure concrete, non solo analisi di studiosi ed esperti e solite promesse.