IL PAPA’ GUARISCE DAL COVID, LA FIGLIA RINGRAZIA IL PERSONALE SANITARIO

Le cure domiciliari, prestate dai medici e infermieri dell’Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) hanno guarito dal coronavirus il sessantacinquenne sulmonese che era risultato positiva rientro dalla Spagna. Il contagio era stato accertato un mese fa e con lui anche la moglie era rimasta contagiata.Ora la guarigione fa tirare a lui e ai familiari un grosso sospiro di sollievo e la figlia coglie l’occasione per esprimere gratitudine ai medici e al personale Asl per il sostegno e l’assistenza garantiti al padre. La figlia tiene a precisare che si è adoperata subito perché venissero prestate cure immediate al padre, così che il tempestivo intervento dei medici ha consentito di sconfiggere il coronavirus. Asl, medici di base, Usca, sono stati i protagonisti della vicenda che ha tenuto l’intera famiglia con il fiato sospeso. E nei momenti più difficili e tesi sono stati tutti molto vicino, con professionalità e umanità, al papà malato. Da qui il ringraziamento e la stima che la figlia e i familiari esprimono a tutto il personale sanitario.