EX PRIMARIO D’ANDREA, ECCO PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI

Nel nostro Paese la pandemia COVID 19 ( ancora in corso) con la sua scia di morti e malati cronici e per le pesanti restrizioni imposte nella necessità  di arginarne la diffusione è stata una batosta per tutti ed una tragedia umana ed economica per molti.
Solo il grandissimo sforzo comune di scienziati e governi nei diversi continenti , che ha prodotto uno dei più grandi risultati degli ultimi anni nella storia della medicina ovvero la scoperta di  diversi ed efficaci vaccini contro il Sars- CoV 2, ha segnato il punto di svolta impedendo il collasso dei servizi sanitari anche nei paesi più  avanzati,come il nostro.
Solo coloro che sono in malafede osano confutare questo dato di fatto inequivocabile.
E sono proprio essi  coloro che rischiano di creare i presupposti perché la libertà individuale e collettiva faticosamente riconquistata dopo un lungo periodo di lockdown  e  restrizioni varie venga nuovamente rimessa in discussione.
È necessario che tutte le persone di buon senso si vaccinino in fretta e senza esitazioni e creino un muro alla penetrazione delle idee e delle argomentazioni propagate dai vari no-vax e boh- vax.
Non credo ci sia un’altra strada.
D’altronde il Governo lo ha fatto capire chiaramente: chi è vaccinato potrà gradatamente ritornare ad una vita normale ( con tutta la prudenza del caso) e per gli altri permarranno le necessarie limitazioni per impedire che  i sacrifici fatti finora  vadano in fumo.
Vivere in una società con due diversi livelli di vita non è  il massimo ma,se ci riflettiamo, l’irresponsabilità di pochi non deve essere una zavorra per tutti.