LE PORTE GIREVOLI DI ELISABETTA BIANCHI

Torna sui suoi passi il consigliere comunale Elisabetta Bianchi, dopo la recente formale adesione al movimento dell’onorevole Vittorio Sgarbi e tenta di prendersi il merito delle decisioni della giunta regionale, che ha classificato l’ospedale dell’Annunziata come presidio di primo livello. Decisione che ora spetta ai ministeri competenti confermare o anche cancellare e che comunque attende il passaggio all’esame del Consiglio regionale. “Ho assistito con gioia e soddisfazione alla presentazione ufficiale nella nuova rete ospedaliera di Regione Abruzzo del presidio di Sulmona come ospedale di primo livello con punto nascita in Uoc di ostetricia e ginecologia – afferma Bianchi – Ieri Sulmona ha raccolto un primo grande risultato frutto del mio impegno tenace, dello studio ed il lavoro profuso in questi anni sin dal 2013, teso al conseguimento di questo importantissimo risultato. Un lavoro di azione e pianificazione iniziato per tempo, tanto per ospedale che per l’ufficio giudiziario, e coltivato con tale costanza che nel 2018 ha avuto la forza di sovvertire, attraverso l’approvazione di una nuova deliberazione consiliare per il primo livello votata all’unanimità tranne che dal sindaco di Sulmona Annamaria Casini, la deliberazione di consiglio comunale promossa dalla prima giunta Casini, con vicesindaco Iommi e votata dalla sua maggioranza nel 2016 che vedeva invece il nostro ospedale qualificato con servizi di base”. “Siamo così potuti arrivare pronti e con le carte in ordine all’insediamento della Giunta Marsilio ove abbiamo trovato terreno fertile per l’affermazione dei nostri diritti ad una programmazione più equa. Infatti il raggiungimento di questo risultato si deve alla disponibilità all’ascolto ed alla proposta di modifica sulla bozza della nuova rete ospedaliera regionale del presidente Marsilio e dell’assessore Verì, degli altri componenti di giunta e dei membri di maggioranza consiliare sulla bozza della nuova rete ospedaliera regionale che nel tempo hanno trovato fondate le nostre ragioni ed hanno accolto le osservazioni da me inoltrate. Volentieri ringrazio con commozione tutti le cittadine ed i cittadini che in questi anni si sono uniti alla battaglia sostenendo le azioni locali e che non hanno mai fatto venir meno i loro suggerimenti ed il loro sostegno” conclude il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, come anche oggi firma il suo comunicato. Dopo aver aderito al movimento di Sgarbi e strizzato l’occhio ai civici di Gerosolimo sarebbe bene che la Bianchi uscisse da questa incertezza politica, dicendo chiaramente da che parte stia: con il centrodestra e Fratelli d’Italia o con i civici, visto che Sgarbi ha fatto sapere di avere scelto quest’ultima strada, a Sulmona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *