LEGA IN PIAZZA PER I SEI REFERENDUM SULLA GIUSTIZIA GIUSTA

Una giustizia giusta, più equa e trasparente è l’obiettivo dei referendum proposti dalla Lega. Il modulo per la raccolta delle firme per i sei quesiti referendari sono stati depositati presso la Corte di Cassazione il 3 giugno scorso, come risulta dalla Gazzetta Ufficiale 132 del 4 giugno 2021. “Parliamo della riforma del Consiglio Superiore della Magistratura, della responsabilità diretta dei magistrati, di una equa valutazione dei magistrati, della separazione delle carriere dei magistrati, dei limiti agli abusi della custodia cautelare e dell’abolizione del decreto Severino. Sono i temi sui quali Matteo Salvini ha voluto puntare e su questi stiamo raccogliendo le firme in tutto il Paese” spiega Roberta Salvati, capogruppo leghista in Consiglio comunale. Dal 2 luglio scorso e fino a metà settembre la Lega sarà in piazza con gazebo per raccogliere le firme. “Si può firmare anche presso i municipi d’Italia e presso il Comune di Sulmona  dal lunedì al  venerdì, in ore 9-12 e il Lunedì e giovedì 15.30-17.15 presentando un documento di riconoscimento e la tessera elettorale. Abbiamo l’occasione  per fare sentire la nostra voce e cambiare in meglio la giustizia italiana, tutti dobbiamo andare a firmare” conclude Salvati.


4 commenti su “LEGA IN PIAZZA PER I SEI REFERENDUM SULLA GIUSTIZIA GIUSTA

  • 17 Luglio 2021 in 22:21
    Permalink

    Certo salvare la città dalla Salvati è proprio strano
    Forse bisognerebbe salvare Sulmona da altri personaggi !!!???

    Risposta
  • 17 Luglio 2021 in 20:31
    Permalink

    Il vero partito del popolo è la Lega
    Roberta Salvati persona seria ed onesta ha fatto bene ad allontanarsi dalla politicuccia dei soliti di Masci e Girosolimio ed aderire al partito di Matteo Salvini
    Io la voto perché persona capace e ripeto ONESTA

    Risposta
  • 16 Luglio 2021 in 17:14
    Permalink

    Salviamo la città dalla Salvati. Nel volger di pochi giorni ha cambiati casacca. Dal Pd alla Lega, già Lega Nord. Trovo incredibile che l’elettore voti per un candidato di sinistra e questo passi a destra. Correttezza vorrebbe voluto che il cambio di casacca avvenisse nella legislatura successiva.
    Vergogna!

    Risposta
  • 16 Luglio 2021 in 10:46
    Permalink

    …ma la Salvati no era nel PD? Dalla sinistra alla destra nel volgetr di un mattino.
    La donna è mobil qual piuma al vento, muta d’accento e il pensier

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *