ELISABETTA BIANCHI LASCIA FRATELLI D’ITALIA E PASSA CON SGARBI

Il consigliere comunale Elisabetta Bianchi pronta a passare armi e bagagli con Vittorio Sgarbi e il movimento di Rinascimento, non nascondendo rammarico per il centrodestra cittadino apparso poco disponibile a valorizzare la presenza a Sulmona del critico d’arte e parlamentare. Un recente incontro nella Capitale avrebbe già posto il sigillo all’imminente passaggio. “Il mio coscienzioso sforzo prosegue nella tensione di assicurare alla città di Sulmona la possibilità di liberare risorse facendole risplendere attraverso il valore indiscusso che solo la disponibilità di Vittorio Sgarbi può capitalizzare portando in Abruzzo ed in particolare a Sulmona valore aggiunto, affinché in armonia con il governo regionale, si possa costruire pace, prosperità e bellezza autentica in questa terra” afferma il consigliere Bianchi, arrivando a questa conclusione, partendo dal rinvenimento di importanti testimonianze archeologiche nell’area di Case Pente, dove la Snam intende costruire la centrale gas. “Lo strategico rinvenimento per l’intera Regione, e non solo, da parte della Soprintendenza archeologica dell’Abruzzo delle evidenze di un esteso edificio antico stratificato di epoca italica e romana con frammenti di tegoloni, di mattoni, pietre con evidenti tracce di lavorazione, cubilia e frammenti ceramici, sepolto dal tempo nel sito di Case Pente di Sulmona nel sito ove la Snam pretende di insediarsi, mi rafforza nella fertilità del cammino da tempo intrapreso, significativo di atti ispettivi e di proposte come, tra tutti, l’ordine del giorno a mia firma del 9 dicembre 2020 che ha impegnato il sindaco di Sulmona Annamaria Casini e la sua giunta, visti e motivati gli alti interessi naturalistici ed archeologici di quel bellissimo luogo, a promuovere tutti i percorsi amministrativi necessari (evidentemente impantanati nel porto delle nebbie della inconcludenza) per annettere l’intera area nella zona di Protezione C  del Parco Nazionale della Maiella” spiega Bianchi. “Ora l’imperativo categorico è uscire dalle secche dell’amministrazione Casini per ridare slancio ad ogni azione del Comune di Sulmona tenendo ben presente che l’ambito culturale è un settore nevralgico per questa città e per l’intera Valle Peligna ed Alto Sangro – precisa – A tal fine il progetto politico che intendo proporre alla Città passa per la pervicace convinzione che Sulmona meriti e possa concretamente ambire ad un rilievo nazionale che ne accresca, stabilizzandoli nell’arco dei dodici mesi, l’afflusso turistico di qualità, insediamenti di attività e residenze”. Nè manca una frecciata conclusiva al centrodestra cittadino, “coalizione smarritasi in chissà quale cespuglioso meandro”. “Per costruire questo percorso, dopo cinque lunghi anni di coerente e strenua opposizione alle numerose giunte usate dalla Casini come un taxi per giungere (chissà perchè) a fine mandato con i deprimenti risultati che sono sotto gli occhi di tutti, senza aver fatto mai mancare il mio coerente e costante contributo alla vita politica ed amministrativa con atti ispettivi e proposte, è arrivato il momento di elevare il patrimonio culturale, monumentale, artistico, letterale ed amministrativo di Sulmona inserendolo in un percorso di respiro nazionale, sicuramente maggiormente complesso ma certamente più adeguato alla caratura della città, attraverso l’illuminata opera di Vittorio Sgarbi, imperdibile occasione di valorizzazione del centrodestra cittadino. La coalizione però, smarritasi in chissà quale cespuglioso meandro a contemplarsi l’ombelico, trascorre il tempo come Penelope tessendo tele di giorno e sfilandole di notte pur di non affrontare con coraggio e determinazione la prossima sfida elettorale” conclude infatti il consigliere comunale.

4 commenti su “ELISABETTA BIANCHI LASCIA FRATELLI D’ITALIA E PASSA CON SGARBI

  • 11 Luglio 2021 in 17:42
    Permalink

    Sgarbi sindaco? Sarebbe da interrogare i cittadini “governati” da Sgarbi
    ( Salemi.ecc.), per avere conferma che il narcisista Sgarbi non è idoneo a prestare il suo impegno per Sulmona o altra città.

  • 9 Luglio 2021 in 20:38
    Permalink

    Un narcisista come Sgarbi, si impegnerà a far risorgere Sulmona?
    Ci vuole ben altro!

  • 8 Luglio 2021 in 16:04
    Permalink

    la bianchi fino a ieri si batteva per la ztl cosi come era prima opponendosi con forza alla pedonalizzazione, ora parla di turismo……i turisti tra le auto…… ma che dice

  • 7 Luglio 2021 in 20:14
    Permalink

    Sgarbi sindaco? Se sindaco significa impegno e dedizione per risolvere i problemi della città, Sgarbi è assolutamente inidoneo. Sgarbi che non ha rispetto per le persone dovrebbe mettersi a servizio dei cittadini di Sulmona? Ve lo ricordate Sgarbi? Veniva ad inaugurare le mostre di pittura a S. Chiara? Veniva dopo ore e tutti ad aspettare il suo apparire. Lui della gente non alcun rispetto. E’ solo arrogante e indifferente nei confronti degli altri. Se fare il sindaco significa porsi a servizio della città e dei cittaddini, l’ultimo da investire di questa carica è proprio Sgarbi

I commenti sono chiusi