ARRIVA DAVANTI AL PALAZZO DELLA REGIONE LA PROTESTA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

Hanno manifestato questa mattina davanti alla sede della Regione, all’Aquila, i rappresentanti regionali dei sindacati della Polizia Penitenziaria, sulle condizioni di lavoro all’interno delle carceri abruzzesi che soprattutto ma non solo per la carenza di organici si fanno sempre più pesanti. “Chiediamo tutele e dignità per i poliziotti penitenziari che, quotidianamente, vivono in inaccettabili situazioni di disagio. Carichi eccessivi di lavoro, prestazioni obbligatorie di straordinario, continui richiami in servizio, cumuli di ferie, vittime di aggressioni” hanno ripetuto i rappresentanti di categoria. Denunce già inoltrate al presidente della Regione, Marco Marsilio, oggi assente per impegni istituzionali improrogabili, alla Prefettura dell’Aquila, al Ministero della Giustizia, ai Gruppi Parlamentari di Senato e Camera, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, “affinché vi siano politiche di assunzioni ed adeguate assegnazioni di personale nel distretto abruzzese”. Sappe, Osapp, Uil Pa, Uspp, Fns Cisl, Fsa Cnpp e Fp Cgil hanno auspicato “considerevoli e sensibili interessamenti, nell’interesse collettivo, prima che sia troppo tardi e potrebbe ulteriormente compromettersi l’ordine, la sicurezza all’interno delle carceri, nonché l’incolumità psico-fisica degli addetti ai lavori”.