“NON SOLO PROROGHE, IL TRIBUNALE VA SALVATO”: FRATELLI D’ITALIA MANIFESTA DAVANTI A PALAZZO DI GIUSTIZIA

“Bisogna battersi per vincere questa battaglia, tutti uniti, non solo ottenendo la proroga della chiusura del Tribunale ma per il risultato fondamentale, che è quello della salvaguardia del presidio giudiziario del Centro Abruzzo, perché questo territorio ed i suoi cittadini non ne siano scippati”. Lo ha detto Mauro Tirabassi, capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia, nel corso del flashmob di questa mattina promosso dal suo partito, a difesa del Tribunale. Tutti gli esponenti e militanti di Fratelli d’Italia, con striscioni e cartelli si sono uniti nella manifestazione. Tra loro i due aspiranti candidati sindaci Vittorio Masci ed Elisabetta Bianchi, consigliere comunale, con l’ex vice sindaco Maria Assunta Iommi. Lo scopo del flashmob è anche quello di tenere alta l’attenzione sulle sorti del Tribunale, così da proseguire nella sensibilizzazione di istituzioni e cittadinanza, che in qualche caso sono apparse distanti dal problema, che non riguarda solo qualche categoria di cittadini ma l’intera comunità del Centro Abruzzo. Intanto il presidente dell’Ordine forense di Sulmona, avvocato Luca Tirabassi, ha precisato che “la situazione è fluida”. Rispetto alla settimana scorsa, quando vi fu mobilitazione dei sindaci, parlamentari, avvocati e associazioni territoriali, “si sta provvedendo affinché gli emendamenti a sostegno della battaglia per i tribunali siano veicolati in atti legislativi”. “E’ importante tenere alta l’attenzione e anche l’iniziativa di oggi va vista con favore. Da parte dell’ordine forense c’è sostegno a qualsiasi iniziativa che persegua l’obiettivo che il tribunale di Sulmona e gli altri tre tribunali a rischio non vengano soppressi” ha continuato Tirabassi. “Auspico naturalmente che questa non sia la battaglia di un partito o movimento ma che sia invece la battaglia di tutte le forze politiche, perchè soltanto la coesione di tutti può fare in modo che il governo torni sui propri passi e finalmente comprenda che qui è in gioco non solo la battaglia di un territorio ma la battaglia di un’intera regione che verrebbe ad essere sguarnita di quattro presidi giudiziari in tutta la sua parte meridionale” ha concluso il presidente dell’Ordine forense. Alla manifestazione ha dato adesione anche Alberto Di Giandomenico, esponente della Lega. “Sono qui per condividere questo momento ulteriore di mobilitazione e riaffermare con forza e convinzione la necessità che davanti ai drammi che questa città e il suo territorio vivono è fondamentale ed irrinunciabile l’unità del centrodestra, senza se e senza ma” ha concluso Di Giandomenico, invitando tutti a muoversi perchè l’unità si concretizzi, allontanando divisioni e danni irreparabili, premiando semmai ambizioni del tutto personali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *