UCCISE IL PADRE, CONDANNATO GIOVANE ORIGINARIO DI POPOLI

La Corte d’Assise di Chieti ha condannato a sei anni e nove mesi di reclusione Luca Settembrini, 30 anni, originario di Popoli, residente a Tocco da Casauria, accusato di aver ucciso il padre Alberto e, riconosciuto il vizio parziale di mente, ha riqualificato il reato in omicidio preterintenzionale. Il pm della Procura di Pescara, Gabriella De Lucia, aveva chiesto la condanna a 21 anni di reclusione per omicidio volontario. Una tesi, quella dell’omicidio preterintenzionale, sostenuta dal difensore di Settembrini, l’avvocato Amedeo Ciuffetelli. Il fatto avvenne il primo febbraio del 2019 nell’abitazione della famiglia a Tocco da Casauria. Luca Settembrini affetto da schizofrenia affettiva e che il giorno dopo i fatti rivelò anche segni di assunzione di alcol e stupefacenti al culmine di una lite con il padre, a quanto pare per soldi, barricatosi in casa iniziò a colpire l’uomo con calci e pugni alla testa e al torace, e con una sedia di ferro alle gambe, e brandendo un coltello minacciò di ucciderlo se i carabinieri avessero provato a fare irruzione. Il giovane si arrese dopo cinque ore in seguito all’intervento di un carabiniere negoziatore, il maresciallo Alessio D’Alfonso. Alberto Settembrini, dopo una serie di ricoveri ospedalieri, morì in una struttura riabilitativa a Bolognano l’11 giugno 2019 a causa delle conseguenze delle lesioni riportate. La moglie della vittima, sentita come testimone assieme a due delle tre figlie, ha sostenuto che l’aggressione di quella mattina fosse nata dal fatto che alle insistenti domande rivolte dal figlio al padre, sui motivi per i qualquest’ultimo avesse tentato di ucciderlo quando era piccolo, l’uomo non rispose. Il tentativo del padre di ucciderlo risalirebbe a quando Luca aveva 5 anni. Ciò che accadde in quella casa il primo febbraio del 2019, dunque, sarebbe stato lo sfogo di un risentimento covato per anni da Luca Settembrini, alimentato dalla sua malattia, ma anche dal consumo di alcolici e stupefacenti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *