“ALLA CASA VECCHIA”, SU “GAMBERO ROSSO” L’AZIENDA DI PACENTRO

La prestigiosa rivista “Gambero Rosso” si occupa dell’azienda “Alla Casa Vecchia” di Pacentro in un articolo curato da Michela Becchi e corredato dagli scatti del fotografo Andrea Calvano. L’esperienza di questa azienda nasce dall’iniziativa di Virginia Sciore, dalla nostalgia di casa, delle montagne e della natura del suo paese ma soprattutto dalla sua passione innata che la porta a tornare appunto in paese, per fondarvi un’azienda agricola. “Un’azienda agricola, sì, ma non una qualunque: Alla Casa Vecchia è l’espressione d’amore per un borgo, quello di Pacentro, e tutto ciò che di buono ha da offrire. È il frutto di un’educazione familiare, ancor prima che universitaria, alla natura e agli animali; di tradizioni tramandate per generazioni e di uno spirito di iniziativa che accomuna tutti i membri della famiglia. A cominciare da papà Giocondo, che nel 2018 perde il lavoro e si reinventa pastore, rivoluzionando la sua vita. Al suo fianco, mamma Stella, anche lei proveniente da una famiglia di contadini e amante degli animali, proprio come Virginia, appassionata di asini, “con cui vorrei presto creare dei percorsi e dei laboratori”. scrive Michela Becchi. Infatti, si legge ancora nell’articolo, Virginia “torna da Bologna, dove studiava produzioni zootecniche e controllo della fauna, “una facoltà a metà tra veterinaria e agraria”. Le manca la sua Majella, la vita di campagna, così decide di rientrare a casa e intraprendere un corso di guida ambientale, “proprio per poter trasmettere l’amore per la mia terra”. L’idea è quella di una fattoria multifunzionale”. Ampia è la produzione dell’azienda, che in poco tempo ha guadagnato successo e ottima fama. Latticini e salumi sono le sue specialità. Ma c’è di più Virginia, grazie alla sua passione ed esperienza, è anche guida di itinerari del gusto, proprio per conoscere da vicino e assaporare le produzioni tipiche della sua terra. Prossimi sono nuovi progetti ma per il momento Virginia Sciore non intende svelarli. (Foto di copertina Andrea Calvano). 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *