IL DIARIO DI SOLIMO: 19-23 MAGGIO 1958, I DUEMILA ANNI DI OVIDIO

Fabio Maiorano – Il bimillenario della nascita del poeta Ovidio, che si era aperto ufficialmente il 1° ottobre 1957, ebbe il suo clou nella seconda decade di maggio quando Sulmona convocò il gotha internazionale della latinità, divenendo per cinque giorni – dal 19 al 23 maggio 1958 – la capitale mondiale della cultura classica. Il congresso di Studi Ovidiani, organizzato dal professor Ettore Paratore, dell’Università di Roma, si articolò dal 19 al 23 maggio 1958 e coinvolse quaranta studiosi stranieri, provenienti dai più importanti atenei del Belgio, Francia, Germania, Inghilterra, Irlanda, Olanda, Polonia, Romania e Stati Uniti. Naturalmente, la pattuglia degli italiani fu la più numerosa, con quaranta studiosi ovidiani e docenti in rappresentanza delle università più rinomate. Impossibile citarli tutti, mentre è doveroso ricordare i benemeriti sulmonesi che composero il Comitato per le Celebrazioni: on. avv. Serafino Speranza (presidente), avv. Guido Piccirilli (vice presidente), Francesco Sardi de Letto (vice presidente), Luigi Santroni (segretario), dott. Concezio Alicandri Ciufelli, can. don Antonino Chiaverini, avv. Annibale Luigi Corvi, prof. Celso D’Altorio, ins. Giovanni De Bartolomeis, prof. Raffaele Del Basso Orsini, dott. Aldo Di Benedetto, prof. Ottavio Di Filippo, prof. Mariano Ferrara, Antonio Giampietro, Giuseppe Masci, prof. Ottavio Poillucci, Nicola Serafini, avv. Lucio Speranza, prof. Vincenzo Alfredo Speranza, Antonio Trinchini. Per celebrare l’evento, sia le Poste Italiane e sia le Poste della Romania emisero un francobollo: l’uno, del valore di 25 lire, raffigura il profilo di Ovidio racchiuso in un ovale e, sotto, la scritta Bimillenario di Ovidio, 43 A. C. – 1957, S M P E”; l’altro, del valore di Lei 1,75, ritrae la statua di Ovidio a Costanza.


One thought on “IL DIARIO DI SOLIMO: 19-23 MAGGIO 1958, I DUEMILA ANNI DI OVIDIO

  • 20 Maggio 2021 in 06:27
    Permalink

    Quando Sulmona era Sulmona.
    Altre capacità e interessi messi in campo rispetto al più recente bimillenario.
    Aggiungere altro non farebbe altro che oltraggiare ulteriormente la memoria del poeta.

I commenti sono chiusi