ASSESSORE COZZI: L’EREMO DI S.ONOFRIO SARA’ INTITOLATO A CELESTINO V

“Il giorno oggi dedicato a San Celestino V, in occasione della ricorrenza della morte, che avvenne il 19 maggio 1296 a Fumone, dopo lunghi periodi vissuti sul Morrone. In questi anni abbiamo cercato di valorizzare questo luogo dello spirito e della cultura, tanto caro ai sulmonesi e all’intero territorio, meta da sempre di un turismo devozionale in un’area da sempre ritenuta sacrale. A breve cominceranno i lavori di riqualificazione di tutta l’area celestiniana, che hanno richiesto un lungo iter finanziario e progettuale. Rinnovato orgoglio, nei mesi scorsi, è stato vedere l’Eremo in vetta alla classifica speciale “Italia sopra i 600 metri”, nell’ambito del censimento biennale “Luoghi del Cuore Fai 2020” e in nona posizione della graduatoria nazionale generale. Stiamo lavorando, in questi giorni, al fine di poter intestare l’Eremo a Celestino V, in titolo di Sant’Onofrio, conservando quanto fino ad oggi storicamente documentato. Questa iniziativa intende non solo dare riconoscimento al fondandatore del romitorio dove si ritirò anche dopo la rinuncia al seggio papale, ma soprattutto alla vita e alle opere di San Celestino che fra i suoi primi atti istituì la Perdonanza, patrimonio intangibile dell’Unesco” lo afferma l’assessore alla Cultura e Turismo Manuela Cozzi.

2 commenti su “ASSESSORE COZZI: L’EREMO DI S.ONOFRIO SARA’ INTITOLATO A CELESTINO V

  • 20 Maggio 2021 in 07:50
    Permalink

    Pregherei la Vice Sindaco di elencare le “innumerevoli” azioni messe in atto per valorizzare questo luogo dello spirito e della cultura…io ricordo strade e area chiuse, vialetti franati rimessi in sesto da altri… forse il nuovo bus di “Chi l’ha visto?”
    Poi la farsa del “dovrà/sarà”, cosa vuole che aggiunga all’eremo? Ha giustamente già una sua denominazione il luogo e da secoli, si concluderà tutto nell’ennesima targa a ricordo della “consiglatura comunale della vergogna” con il solito taglio del nastro pro elezioni?

  • 19 Maggio 2021 in 19:42
    Permalink

    Perché Sant’Onofrio vi dava fastidio?

I commenti sono chiusi