L’ARS: SERVICE FERMATI DALLA PANDEMIA, NUOVO APPELLO ALLA REGIONE

L’Associazione regionale Service Abruzzo, nata nel corso della pandemia, che raccoglie una cinquantina di aziende, ha rappresentato alla Regione le difficoltà di aziende che sono al collasso a causa della pandemia da Covid-19 e la situazione dei tanti tecnici specializzati che rischiano di dover cambiare lavoro. Carlo Volpe ha spiegato che “In Abruzzo più di mille famiglie vivono grazie al settore dei service per lo spettacolo, molte si trovano all’Aquila. La pandemia ha posto in essere una crisi gravissima a causa del blocco del settore che sta ora lentamente ripartendo ma senza certezze. La programmazione degli eventi di un anno è completamente saltata come si sa e non si prevedono tempi rosei, per questo chiediamo una ripartenza certa, un sostegno e un confronto continuo con le istituzioni. Siamo pronti a mettere in campo progetti ben definiti. La protesta dei bauli in piazza è solo un esempio del loro grido di dolore. Aziende che hanno anche strumenti costosissimi, fermi da un anno con conseguenze facilmente immaginabili”.