INVASA DA RIFIUTI LA VILLETTA DI VIA TOGLIATTI

Se il Parco fluviale Daolio è preda di vandali, non meno preoccupante è quello che accade nella villetta di via Togliatti, a pochi passi dal Liceo pedagogico “Vico” e dal monumento dedicato alla Brigata Maiella. Ormai quasi ogni giorno, passando da quei paraggi, sono sotto gli occhi di tutti, almeno dei cittadini più attenti, i residui di merende consumate probabilmente in larghe compagnie. Carte, plastica, lattine restano sparse sulle aiuole del giardino, con i cestini per rifiuti stracolmi. Insomma la pessima educazione dilaga ma non si riesce ancora ad andare oltre le segnalazioni di queste dimostrazioni ripetute di inciviltà. Nessuno che sia capace di porre rimedio a questi comportamenti incivili.

3 commenti su “INVASA DA RIFIUTI LA VILLETTA DI VIA TOGLIATTI

  • 10 Maggio 2021 in 22:53
    Permalink

    Condivido pienamente quanto scrive Marcello Romano. Il parco Vella è completamente abbandonato. Non vi si vede un cane, e pensare che una volta era affollata di gente e di bambini.

  • 10 Maggio 2021 in 16:09
    Permalink

    Basterebbero dei punti fuoco, dei tavoli, una fontanella, magari anche dei sentieri che costeggino il fiume, da fare a piedi o in bici o in compagnia del proprio cane, qualche ponticello, qualche panchina e via fino a Pacentro, e alla fine un domani lo si collegherà anche dall’altro lato, allora si che la domenica si avrà voglia di farci una bella scampagnata con tutta la famiglia!

  • 9 Maggio 2021 in 23:35
    Permalink

    Non si capisce perchè il bel parco Vella, ilparco Daolio sia desolamente abbandonato.
    Non vi ho visto durante tutta la mattinata un essere vivente.
    Il cancello, peraltro, era aperto solo per metà.
    Una volta quel luogo di rifugio dal caldo afoso della città, era molto frequentato dalle famiglie e un gruppo di suonatori allietava i presenti .
    Vi sono andato ieri e non ho riconosciuto il luogo di una volta.
    Passano di moda non solo le canzoni e l’abbigliamento , ma anche i luoghi ameni della nostra città, i luoghi della memoria. Spero che questo mio modesto intervento possa invogliare tanti a sostare in quel parco fresco, rifugio dalla calura estiva

I commenti sono chiusi