VARIANTE COVID “EGIZIANA” IN ABRUZZO, NON E’ PERO’ PERICOLOSA

Individuata in Abruzzo una variante rara del Covid-19. E’ emersa dalle attività di sequenziamento condotte dal laboratorio di Genetica molecolare – Test Covid-19 dell’Università di Chieti.Si tratta della variante “C.11”. “All’interno della sequenza – spiega il direttore del laboratorio, Liborio Stuppia – è presente una mutazione che è la stessa che si trova nella sudafricana e nella brasiliana. Non è comunque tra quelle al momento segnalate come pericolose”. Due i pazienti su cui è stata accertata la presenza variante: sono rientrati di recente dall’Egitto.Della variante in questione sono stati segnalati sette casi in Italia e 493 in tutto il mondo. “Questi numeri – sottolinea Stuppia – confermano che non dovrebbe essere troppo pericolosa. La vicenda dimostra la nostra capacità di fotografare in tempo reale ciò che succede. Un cluster così piccolo, in ogni caso, non dovrebbe creare problemi, ma è importante sequenziare ed è ancora più importante tenere sotto controllo le varianti che arrivano dai Paesi caldi”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *