E’ SCONTRO PRIMA DEL VOTO FAVOREVOLE SUL PIANO OPERE PUBBLICHE

Sedici milioni di euro a sostegno del programma triennale delle opere pubbliche approvato a maggioranza dal Consiglio comunale. I progetti di maggior spicco sono quelli che porteranno alla realizzazione del polo unico scolastico di via XXV Aprile per un importo complessivo di 4 milioni e 500mila euro, appalto che andrà a gara entro la prossima estate. C’è anche la riqualificazione della caserma Cesare Battisti destinata a diventare sede della Protezione civile con un investimento di 2 milioni di euro. La scuola d’infanzia di Bagnaturo (4570 mila euro), il completamento del plesso scolastico Masciangioli e l’avvio del primo lotto dei lavori per la scuola Lombardo Radice completano il quadro delle opere più rilevanti. Ma il dibattito ha acceso tensioni soprattutto tra i consiglieri Bruno Di Masci e Roberta Salvati. Il capogruppo della Lega ha dichiarato che molte opere pubbliche sono legate alle risorse che il Comune riuscirà a trarre dalla vendita di alcuni suoi immobili. “In questo modo si prende in giro la città” ha concluso Salvati. Di Masci ha ricordato che in commissione a Salvati è stato illustrato il piano nei particolari e che nessuno prende in giro la città. “Invece va dato atto all’assessore Zavarella della forte accelerazione data al piano e ai lavori pubblici, a beneficio della collettività e nonostante qualche partito (il pd ndr) auspicasse che alcuni lavori non andassero a buon fine, come è avvenuto per il liceo classico” ha sottolineato l’ex sindaco. Anche Andrea Ramunno e Luigi Santilli hanno contestato a Salvati che per il liceo Ovidio non sono stati previsti fondi della Provincia e che comunque da parte sua non sono venute proposte circa il piano delle opere pubbliche. “Unico intervento sensato è stato quello del consigliere Mauro Tirabassi” ha concluso l’assessore Zavarella, dando atto al capogruppo FdI di suggerimenti come quello sulla necessità di una pianificazione più adeguata e tempestiva, su lavori, come quello dell’abbattimento delle barriere architettoniche, in attesa di realizzazione da tempo. A conclusione del dibattito il capogruppo della Lega ha espresso indignazione perchè si è ritenuta offesa da alcune dichiarazioni dell’assessore ain Lavori pubblici e di alcuni consiglieri, riaffermando la necessità che il dibattito non debba scadere in attacchi di tipo personale ed offese.

 



One thought on “E’ SCONTRO PRIMA DEL VOTO FAVOREVOLE SUL PIANO OPERE PUBBLICHE

  • 26 Aprile 2021 in 20:38
    Permalink

    Non mi è chiaro se lo scontro precedente al voto sia dovuto ai “30 emendamenti” della Lega!
    È possibile conoscerne il contenuto? Casomai dalla stessa Sibilla norr”D”ena?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *