“FALSO NEGATIVO” IN PRONTO SOCCORSO ACCERTATO DAL DIRIGENTE LEOMBRUNI

Le capacità professionali del dirigente medico del pronto soccorso dell’ospedale dell’Annunziata ancora una volta hanno conseguito un risultato importante. Infatti il dottor Paolo Leombruni ha accertato ieri il caso di un “falso negativo”. Il settantunenne sulmonese era arrivato al pre-triage, essendo risultato negativo al test rapido e spostato in pronto soccorso, per ulteriori accertamenti, tra i pazienti non Covid. Leombruni, dopo aver controllato i sintomi dell’uomo che facevano sospettare un suo contagio, ha disposto la Tac per il settantunenne poi sottoposto ad un ulteriore tampone molecolare. Quindi l’uomo è stato trasferito nella shock room del pronto soccorso, pur di salvaguardare il reparto dalla diffusione dell’eventuale focolaio da Covid-19. L’esito del tampone, come sospettato dal dirigente del pronto soccorso, è stato positivo. Le condizioni del settantunenne, ricoverato nella clinica San Raffaele, sono comunque migliorate. In ospedale è ricoverata la moglie nel reparto di rianimazione Covid, con un quadro clinico critico ma stabile.