NOMINE NELLA LEGA SULMONESE, E’ CONTESA TRA DI SIMONE E DI GIANDOMENICO

Sale la tensione nella Lega sulmonese. Ad agitare le acque non c’è solo l’ipotesi che vorrebbe esclusa dal Consiglio regionale Antonietta La Porta dal prossimo autunno, probabilmente subito dopo le elezioni amministrative. C’è anche l’attesa per la riorganizzazione interna del partito, con le nomine da rinnovare, dopo l’azzeramento deciso nel marzo scorso dai vertici regionali. La contesa interna riguarderebbe soprattutto la carica di coordinatore cittadino. Nicola Di Simone, marito della consigliera regionale La Porta, vorrebbe tornare alla guida del partito cittadino. Compito assolto fino a marzo scorso. Ma Alberto Di Giandomenico, già portavoce provinciale della Lega, nutrirebbe la stessa ambizione. A pesare sul conto dell’uscente Di Simone sarebbero le perplessità e i malumori provocati dall’iniziativa da lui condivisa con Pd, Italia Viva, Forza Italia, Azione ed altri piccoli gruppi civici, di dare vita ad una coalizione trasversale. Iniziativa che ha trovato subito la decisa contrarietà del leader regionale D’Eramo. Una miniatura, come ebbe a ricordare il segretario Pd, Franco Casciani, della coalizione nazionale guidata dal premier Draghi. Di Giandomenico invece sarebbe pronto alla costruzione di una coalizione saldamente ancorata al centrodestra classico, coinvolgendo anche liste civiche, sempre nell’ambito della stessa area politica. Una linea che troverebbe la piena adesione del capogruppo consiliare Roberta Salvati e dell’ex coordinatore territoriale Fabio Federico. Ogni partito con il suo simbolo e senza accordi trasversali. Intanto sabato scorso La Porta e Di Simone avrebbero incontrato D’Eramo, per fare il punto della situazione. Ma nulla di nuovo sarebbe scaturito dall’incontro. Ieri, come già riferito, anche dai vertici regionali di Italia Viva è arrivato un altolà secco a qualsiasi coalizione che comprenda la Lega. Una sorta di ultimatum per i rappresentanti locali, anche loro ammaliati dalle sirene del cosidetto metodo Draghi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *