PER ANTONIETTA LA PORTA IN BILICO LA POLTRONA DI CONSIGLIERE REGIONALE

Sarebbe a rischio la poltrona in Consiglio regionale per Antonietta La Porta. Il consigliere regionale, subentrato a palazzo dell’Emiciclo nel marzo 2019, prendendo il posto dell’assessore Emanuele Imprudente, potrebbe essere costretta a fare percorso inverso. Combinazioni e incroci sempre in agguato in politica. Tutto avrebbe origine dalla volontà che da tempo avrebbe manifestato il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, di aderire a Fratelli d’Italia. Sospiri attualmente è in Forza Italia. Ma avrebbe riscoperto ultimamente la nostalgia di quella che in fondo è la sua casa madre: Fratelli d’Italia, eredi della tradizione che viene dal Msi e poi Alleanza Nazionale. Un passaggio che garantirebbe accresciuti consensi al partito di Meloni e Marsilio. Ma a quel punto Sospiri dovrebbe però rinunciare alla presidenza del Consiglio regionale, ottenendo la nomina ad assessore. Per il futuro Sospiri ambirebbe poi ad una candidatura alle elezioni politiche, previste tra due anni, salvo crisi anticipate. Imprudente, esponente della Lega, perderebbe l’assessorato, recuperando però la poltrona di consigliere regionale, ceduta alla prima dei non eletti in provincia dell’Aquila e andando lui sullo scranno più alto dell’Emiciclo, la presidenza consiliare. Per la Valle Peligna significherebbe perdere un suo rappresentante regionale e l’eventuale realizzazione di questo disegno avrebbe ripercussioni inevitabili nella Lega territoriale, con un rimescolamento di carte assai probabile. Le manovre, già in atto, potrebbero concludersi entro giugno prossimo.