SOLO VACCINI ASTRAZENECA, ANZIANI RISPEDITI A CASA

Proteste e delusione oggi pomeriggio nel centro vaccini di Sulmona dove molti anziani sono stati rispediti a casa senza essere vaccinati. Motivo: i responsabili della sede peligna non se la sono sentita di inoculare il vaccino AstraZeneca ad alcuni anziani che avevano denunciato, all’atto della registrazione sulla piattaforma regionale di prenotazione, patologie pregresse. Oggi, infatti erano disponibili solo vaccini AstraZeneca, da qui la decisione dei medici di non “rischiare”. Delusi gli anziani per il viaggio a vuoto ma soprattutto perché dovranno aspettare una nuova chiamata per essere vaccinati. Tra le più “arrabbiate” alcune persone giunte dall’Alto Sangro che accusano i responsabili delle prenotazioni di pressappochismo e cattiva organizzazione. “Sapevano benissimo quali fossero le patologie di mia suocera”, afferma un accompagnatore, “la prenotazione era per oggi alle 14,10 nel palazzetto dello sport di Sulmona dopo che era già stata spostata da Castel di Sangro perché non c’era posto. Ma una volta arrivati a Sulmona la dottoressa in servizio ci ha detto che non se la sentiva di inoculare il vaccino AstraZeneca perché mia suocera era ritenuta paziente a rischio. Ma questo lo sapevano già da tempo e fare spostare per oltre 50 chilometri  fino a Sulmona pazienti ad alto rischio è stata una cosa da incoscienti”. Ironia della sorte, proprio nel pomeriggio, è arrivata l’autorizzazione da parte l’agenzia europea dei farmaci, (EMA) alla inoculazione del vaccino AstraZeneca anche per gli anziani over 70 con patologie.