MARCO DE STEFANIS, REGISTA INTERNAZIONALE DALLE RADICI ANVERSANE

E’ un professionista dalle radici abruzzesi uno dei massimi documentaristi e produttori di audiovisivi in campo internazionale. Produce infatti documentari per Rai e Mediaset, De Agostini, History Channel, Discovery Channel. E’ Marco De Stefanis. E’ nato a Roma ma il papà Giuseppe che ha lavorato all’aeroporto di Fiumicino, per progettare le piste dello scalo, con la mamma Gabriella, annunciatrice di voli, emigrò a Roma da Anversa degli Abruzzi. Appena sposato con l’olandese Sanneke, Marco è tornato in Abruzzo, dove ha casa ad Anversa ed un’altra casa ha acquistato a S.Eusanio del Sangro, nel Chietino. “Mia moglie appena ha conosciuto l’Abruzzo ne è rimasta innamorata – dice De Stefanis – così abbiamo due case, sui due versanti della Maiella, tra Valle Sagittario e Valle del Sangro”. Parte della stagione estiva la famiglia De Stefanis la trascorre in Abruzzo, dividendosi: Marco e la moglie a Sant’Eusanio ed i giovani figli ad Anversa. La famiglia De Stefanis vive ad Amsterdam, dove Marco gestisce la Konkarma, una casa di produzione audiovisiva. L’itinerario professionale di De Stefanis inizia a Roma, come montatore di audiovisivi. E’ il 1996 e Marco è ancora molto giovane, appena venticinquenne. Da quel momento ad oggi De Stefanis vanta al suo attivo la regia in tredici film e ventisei in altri ruoli. Tra i suoi successi spicca senza dubbio il film “La storia delle sorelle Lescano”. E’ la storia di tre sorelle olandesi che venendo a vivere in Italia diventano cantanti di successo negli anni che precedono il secondo conflitto mondiale. Verranno poi perseguitate perchè ebree. Ma anche “Waiting for Giraffes” rappresenta un sicuro successo per il regista abruzzese. Il documentario narra della collaborazione tra palestinesi ed israeliani in un ospedale per animali selvaggi. Per tre anni De Stefanis ha anche studiato Fisica all’Università. Oltre a film e documentari da buon abruzzese De Stefanis è anche appassionato di gastronomia. Nè si fa mancare l’hobby sportivo come allenatore di basket.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *