CALCIO FEMMINILE, MEMMO: AVVICINEREMO LE RAGAZZE PARTENDO DAI TERRITORI

di Domenico Verlingieri

Far crescere in Abruzzo il calcio femminile unendo le forze del calcio a 11 e del calcio a 5. L’ambizioso progetto della Lnd Abruzzo, presieduta da Ezio Memmo, vede in campo diversi attori pronti a fare ognuno la loro parte. “I nostri progetti – afferma Memmo – saranno espletati anche in ambito provinciale. Adesso abbiamo la sfortuna che gli ambiti provinciali e zonali, a causa del Covid, devono rimanere chiusi ma spero ancora per poco. Avremo pertanto dei responsabili provinciali per quanto riguarda le attività di calcio femminile, sia di calcio a 5 che di calcio a 11, per cercare di lavorare partendo dalla base cioè dal territorio. L’obiettivo è stare vicino al territorio, così come abbiamo fatto in questi giorni rappresentando l’intera regione”. Partendo dai territori, il lavoro dovrà portare ad avvicinare le ragazze al calcio a 11 o al futsal. “Noi – spiega Memmo – facciamo un lavoro importante all’interno delle scuole. Nel corso dell’anno visitiamo un certo numero di scuole e coinvolgiamo oltre 12mila bambini nell’attività calcistica in ambito scolastico ma ci sono potenzialità inespresse nell’attività femminile. Arriviamo ad una parità del 50%, con 6mila bambini e 6mila bambine. Oltre il 30% dei maschi è iscritto alle nostre attività mentre per le ragazzine solo lo 0,1%. Sarà pertanto fondamentale lavorare sulle bambine per fargli iniziare un percorso calcistico nelle nostre società. Questa è la base da dove dobbiamo partire che è quella, ripeto, del territorio”. Oltre al presidente Memmo, lavoreranno per il raggiungimento di questi obiettivi i responsabili regionali del calcio femminile, Laura Tinari, e del calcio a 5, Salvatore Vittorio. “Vogliamo che bambine e ragazze – afferma Tinari – possano portare avanti la passione per il proprio sport, creando e diffondendo una cultura calcistica che vada oltre gli stereotipi, superi le discriminazioni e permetta loro di giocare e vincere in campo ma soprattutto nella vita. Noi intendiamo dimostrare che il calcio è uno sport inclusivo, spiegando alle ragazze che è giusto che loro portino in campo le loro caratteristiche, la loro sensibilità, la loro tecnica e il loro stile, che trovino insomma un loro modo di giocare, che non deve ispirarsi al modo di essere dei maschi ma deve essere il loro. Perché il calcio femminile è passione, determinazione ed eleganza. E noi non smetteremo mai di raccontarlo. Oggi finalmente le bambine e le ragazze che scelgono di giocare a calcio hanno una prospettiva davanti a loro, glielo dimostrano le ragazze che militano nelle serie maggiori conquistando ogni giorno con il loro impegno posti importanti nel calcio internazionale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *