DUE ADDETTE POSITIVE AL COVID, SOSPESA LA MENSA DEL CARCERE DI SULMONA

Dopo il falso caso positivo del poliziotto penitenziario che aveva creato allarme e provocato più di una polemica nei confronti della struttura sanitaria, arrivano due contagi veri all’interno del supercarcere dei Sulmona. Si tratta di due operatrici della mensa interna riservata al personale penitenziario, e questo nonostante tutte e due avessero già ricevuto la prima dose di AstraZeneca. Le due donne sono originarie di Pratola e quindi, molto probabilmente infettate dai tanti fronti di contagio aperti in quesi giorni nel centro peligno. Immediatamente sono state attivate le necessarie misure per fronteggiare l’espandersi del contagio, prima tra tutte la sospensione del servizio mensa sostituito con l’erogazione di un buono pasto agli agenti che ne hanno diritto. Di sicuro questo nuovo fronte ha provocato molta apprensione negli ambienti del carcere dopo la brutta esperienza vissuta nei mesi scorsi con decine e decine di persone contagiate tra agenti e detenuti. Al momento otto agenti si trovano in quarantena per via degli ultimi casi accertati  tra cui un poliziotto domiciliato a Raiano risultato positivo nei giorni scorsi e l’altro “falso positivo” che tante polemiche ha scatenato.