ANCHE SULMONA RICORDA LE VITTIME DELLE MAFIE, NELLA GIORNATA NAZIONALE DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO

Le vittime della mafia, i loro nomi elencati uno ad uno, per ricordarle tutte. Anche a Sulmona, sulla scalinata dell’Annunziata, l’associazione Libera e l’istituto comprensivo Mazzini-Capograssi, raccolti in una piccola rappresentanza hanno celebrato questa mattina la giornata del 21 marzo, dedicata alla memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Nel pomeriggio, alle 19, si svolgerà una veglia interreligiosa nella chiesa dell’Annunziata, in memoria delle vittime delle mafie. Alla manifestazione di questa mattina hanno preso parte anche il vescovo Michele Fusco e il comandante della compagnia Carabinieri di Sulmona, capitano Maurizio Dino Guida. Dal 1996, ogni 21 marzo, l’Associazione Libera celebra questa giornata per non dimenticare il dolore di una mamma che ha perso il figlio nella strage di Capaci. Da allora, ogni anno, la lettura di un lungo elenco di nomi si fa impegno per ricordare una ad una tutte le vittime della mafia, per farle vivere ancora, per non farle morire mai. Per non dimenticare quanti hanno pagato con la vita il prezzo della giustizia e della legalità. A questi nomi si aggiungono anche quelli delle vittime delle stragi, del terrorismo e del dovere. L’1 marzo 2017, con voto unanime la Camera dei Deputati, ha approvato la proposta di legge che ha istituito e riconosciuto il 21 marzo quale “Giornata della Memoria e dell’Impegno ricordo delle vittime delle mafie”. Stamattina gli esterni delle scuole Serafini e Capograssi  sono stati allestiti con lavori fatti dagli alunni, per celebrare questa importante giornata commemorativa.