IL CICLISMO STA TORNANDO, PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA TIRRENO-ADRIATICO

di Domenico Verlingieri

Ieri l’arrivo a Prati di Tivo ed oggi la partenza da Castellalto. Per l’Abruzzo la Tirreno-Adriatico di ciclismo ha rappresentato un investimento importante in immagine e promozione. Sono state due giornate splendide. Un cielo terso ed il Gran Sasso innevato hanno accolto ieri l’arrivo a Prati di Tivo, nel Comune di Pietracamela, della “corsa dei due mari”

che ha visto il trionfo dello sloveno Tadej Pogacar (Uae-Emirates), mostrando in tutto il mondo la natura maestosa della montagna teramana. Pogacar in 3h51’24” si è aggiudicato la tappa, lunga 148 chilometri, partita da Terni fino ai 1.450 metri d’altezza di Prati di Tivo. Lo sloveno, che sul traguardo ha preceduto di 6″ il campione in carica inglese Simon Yates, è diventato così la nuova maglia azzurra, conservata oggi nella tappa che, partita da Castellalto per

arrivare a Castelfidardo (Ancona), ha visto il successo dell’olandese Mathieu Van der Poel che ha preceduto di una decina di secondi Tadej Pogacar. La quarta e quinta tappa della 56^ Tirreno-Adriatico ha rappresentato il ritorno in Abruzzo del grande ciclismo, grazie alla presenza dei campioni di questo sport, per quel che è stato il miglior biglietto da visita per la provincia di Teramo e per l’intera regione.