MEDICINA COVID SATURA ALL’OSPEDALE DI SULMONA, ALLARME DEL TRIBUNALE DELLA SANITA’

A fronte della notizia di un possibile nuovo picco del contagio la situazione dell’ospedale di Sulmona desta preoccupazione. L’allarme viene lanciato da Catia Puglielli, referente territoriale del Tribunale della Sanità. “La medicina covid, che ricordo a tutti che non è e non può essere considerato un reparto, è oramai piena – sottolinea Puglielli – comprensibilmente abbiamo dovuto rispondere alle richieste di aiuto provenienti dalla costa ma ora bisogna pensare a ripristinare un’area grigia e provvedere ad un piano di gestione dei pazienti anche no covid. Non possiamo più andare avanti così. Proprio a causa di questa situazione oggi gli accessi in pronto soccorso devono essere razionalizzati il più possibile a discapito del paziente che deve rivolgersi a strutture private per potersi curare”. “Sulla sanità vogliamo delle risposte concrete, non sfilate” conclude Puglielli, alludendo a chi continua a fare promesse senza nulla di concreto e a fare semplice propaganda sulla salute dei cittadini, senza risultati utili per nessuno. Un modo di fare politica che può solo indignare e che continua ad incontrare troppi silenzi, troppa indifferenza e troppe complicità anche nel nostro territorio, da politici che il territorio dovrebbero rappresentare e servire. Mentre continuano troppo spesso a curare solo i propri interessi di parte, omettendo il proprio dovere, soccombendo ad ordini di scuderia. Salvo poi fare scenate ipocrite, stracciandosi le vesti quando il territorio viene umiliato ancora da decisioni ingiuste e penalizzanti per i cittadini e per le categorie più deboli.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *