SOLO TRE POSITIVI COVID IN CENTRO ABRUZZO MA ATELETA CHIEDE LA ZONA ROSSA

Solo tre i casi di contagio oggi nel Centro Abruzzo ma rischia di diventare assai critica la situazione nel reparto di Medicina Covid dell’ospedale di Sulmona. In giornata infatti sarebbe arrivata la richiesta di ricovero per occupare l’ultimo posto disponibile nel terzo piano del nuovo nosocomio. Al momento nessun passaggio è stato effettuato per cui si tratta solo di una richiesta anche se nell’area triage ha stazionato un paziente Covid.  La probabile saturazione della Medicina Covid comincia a diventare un problema serio di cui i vertici dell’azienda dovranno occuparsi, individuando nuovi spazi o trovando altre soluzioni. Una situazione che va avanti da giorni, da quando il reparto si è ritrovato a prendere in carico undici pazienti sui dodici posti letto disponibili. C’è da sperare quindi che gli utenti presi in carico da settimane, con terapia specifica, concludano il percorso di negativizzazione. Ma non è il massimo per un sistema che vuole evitare le criticità della seconda ondata, ovvero stazionamenti e lunghe attese nonché ricoveri a chilometri di distanza. Per il resto la giornata del 22 febbraio concede una nuova parziale tregua sul fronte del contagio che non incide minimante sull’andamento della curva epidemiologica. La Asl ha tracciato solo tre nuovi casi, tutti con la variante del virus, ovvero due ad Ateleta e uno a Sulmona. Il sindaco di Ateleta, Marco Passalacqua, ha formalizzato la richiesta di zona rossa alla Regione e ha chiesto la fornitura dei tamponi rapidi. Lo screening di massa, non solo per le scuole, sarà probabilmente effettuato nel fine settimana. In tal caso si renderà necessaria una modifica all’ordinanza adottata. Si attendono intanto indicazioni specifiche per la campagna vaccinale riservata agli over 80 e ai disabili. Una “prova generale” potrebbe esserci sabato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *