“IL CENTRO GIOVANI NON E’ CHIUSO, SERVIZIO SOSPESO SOLO PER LA PANDEMIA”, IL VICE SINDACO TORNA SUL CASO

“Il Comune non ha chiuso il Centro di Aggregazione Giovanile e Informagiovani, ma il servizio è sospeso dalle misure restrittive disposte dal Governo in questa emergenza sanitaria, come tutti i centri di aggregazione. Essendo scaduto il contratto, si sta predisponendo la gara per la gestione”. Lo ribadisce il vicesindaco con delega alle Politiche Sociali Marina Bianco, allo scopo di fare chiarezza dopo le roventi polemiche e le diverse prese di posizione sul caso. “È solo una polemica strumentale a livello politico – sottolinea il vice sindaco – Non ho chiuso proprio nulla, anzi in qualità di assessore, mi sto occupando fattivamente del Centro di Aggregazione Giovanile. Ho colto l’occasione di questo periodo di sospensione forzata delle attività per poter risistemare i locali, con arredi e interventi di manutenzione, al fine di renderli più accoglienti e idonei, superando le criticità che più volte sono state segnalate”. “Il Centro sarà riaperto non appena lo consentirà l’evoluzione della pandemia, secondo le disposizioni governative, e sarà affidato in gestione attraverso una procedura ad evidenza pubblica, in corso di definizione, così che potrà essere fruito da tutti secondo le regole – precisa ancora l’assessore. “Da quando mi sono insediata sono sempre stata disponibile al confronto e al colloquio con tutti e anche oggi sono disponibile ad accogliere proposte concrete e compatibili con l’attuale situazione di emergenza sanitaria, affinchè si possano programmare o attivare servizi rivolti ai giovani. Rispedisco al mittente le accuse strumentali di chi sostiene che non mi sono occupata di politiche giovanili” conclude Bianco.