PAURA DEL VIRUS E IL PARROCO CELEBRA IL FUNERALE NELLA SALA PARROCCHIALE

Troppo forte la paura del contagio e il parroco decide di celebrare il funerale nella sala parrocchiale. È accaduto a Bagnaturo dove l’altro giorno Don Andrea Accivile ha negato la chiesa  dell’Addolorata dove vengono celebrate tutte le funzioni religiose compresi i funerali. Una scelta che non è piaciuta alla maggior parte dei residenti ma soprattutto ai parenti del defunto che hanno dovuto dare l’estremo saluto al congiunto raccolti in preghiera in pochi metri quadrati. Il parroco si sarebbe giustificato affermando che negli ultimi funerali si erano verificati troppi contagi e utilizzando la chiesa si sarebbe favorita la diffusione del virus. “Non è possibile che il parroco faccia quello che vuole violando sistematicamente le regole”, affermano in coro alcuni residenti di Bagnaturo. “Ci sembra una decisione fuori da ogni logica quella di negare la chiesa per l’estremo saluto a un nostro compaesano. Sarebbe stato più giusto utilizzare la chiesa parrocchiale limitando gli ingressi alle persone e non chiudersi in pochi metri quadrati rischiando veramente di favorire il contagio”. Non è la prima volta che Don Andrea Accivile finisce nel vortice delle polemiche. Lo scorso anno in pieno lockdown, durante la Domenica delle palme, celebrò la Santa Messa in presenza di alcuni fedeli quando non era consentito farlo. Tanto che alcuni residenti preoccupati della situazione fecero intervenire  i vigili urbani di Sulmona per redarguire il parroco. Ora il funerale nella sala parrocchiale. 

One thought on “PAURA DEL VIRUS E IL PARROCO CELEBRA IL FUNERALE NELLA SALA PARROCCHIALE

  • 19 Febbraio 2021 in 09:46
    Permalink

    I residenti di bagnaturo, visto quello che è successo nei mesi scorsi, dovrebbero chiudere la bocca sul virus (in tutti i sensi) per almeno una decina di anni. Ma chi sono per decidere sulla salute di tutta la comunità? Ad ogni modo, bisognerebbe sentire anche la versione del parroco per avere le idee più chiare.

I commenti sono chiusi