IL VICE SINDACO BIANCO SPEGNE ALLARME E POLEMICHE: “IL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE NON E’ AFFATTO CHIUSO”

E’ infondato l’allarme lanciato sulla chiusura del Centro di Aggregazione Giovanile. A fare chiarezza interviene il vice sindaco e assessore delegato alle Politiche sociali, Marina Bianco. “Il Comune di Sulmona non ha affatto chiuso il Centro Giovanile di Aggregazione e Informagiovani. Nessuno ha mai interrotto o intende interrompere le attività del Centro, tanto  che si stanno ponendo in essere le procedure per l’avvio della nuova gara per l’affidamento della gestione e sarà utilizzato anche dai soggetti beneficiari individuati nell’ambito del progetto dedicato proprio ai giovani” afferma Bianco, in replica alle polemiche sollevate sui social e sugli organi di stampa, riguardanti la presunta chiusura del Centro. “Mi preme rappresentare quanto in prima persona e in collaborazione con gli uffici, si sta facendo per il Centro stesso. Subito dopo il mio insediamento ho preso contezza di quelle che erano le prerogative del mio assessorato,  comprese quelle legate alle politiche giovanili. Mi sono recata immediatamente presso la sede del Centro per un sopralluogo, come fatto anche per altre strutture, ed ho potuto constatare una situazione alquanto precaria. Non ultimo si rese necessario, ad opera degli uffici, invitare il soggetto erogatore affinché venisse doverosamente garantita la natura pubblica della attività svolta e il massimo rispetto di principi di neutralità dal punto di vista politico e religioso. Appare evidente che le immagini diffuse in questi giorni sulla stampa online non forniscono la reale situazione dei luoghi custoditi dal soggetto erogatore del servizio – spiega il vice sindaco – Le attività del Centro sono state sospese per effetto di provvedimenti nazionali e regionali di tipo autoritativo, connessi alla gestione dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia”. “Le comunicazioni di sospensione sono intercorse formalmente tra gli Uffici ed il soggetto erogatore dei servizi, ultima quella di ottobre 2020, agli atti. Si è ritenuto opportuno utilizzare il periodo di obbligatoria sospensione delle attività per effettuare nei locali del Centro alcuni interventi di manutenzione ordinaria che vanno dalla tinteggiatura alla sistemazione dei servizi igienici, al ripristino di un mobilio adeguato alla migliore fruizione degli spazi. Prima degli interventi, gli uffici hanno correttamente informato il soggetto gestore del servizio, nella persona del presidente, unico interlocutore deputato ai rapporti con l’Ente”. “All’attività del Centro si è quindi ritenuto di poter affiancare quella del progetto “Think Thank Agorà”: un progetto dedicato ai giovani e alla formazione professionale, al quale il Comune di Sulmona, quale Ecad dell’Ambito Sociale Distrettuale n. 4  Peligno, ha partecipato in qualità di partner, con capofila il Comune di Avezzano (importo complessivo del progetto è dk 651.800 euro). Il progetto, finanziato dalla Regione con i fondi del PO FSE 2014/2020,  ha come finalità la promozione e il sostegno di progetti di innovazione economica con la realizzazione di Centri di aggregazione sociale per l’erogazione di servizi per la formazione e l’orientamento e l’inserimento lavorativo. Il progetto prevede l’avvio di un avviso, in pubblicazione a breve, per l’individuazione di 20 soggetti svantaggiati  per l’accesso ai corsi di formazione, tirocini aziendali e voucher di assistenza e cura al fine di  favorire l’inclusione sociale e lavorativa” chiarisce Bianco. “Il Comune di Sulmona ha ritenuto di individuare il Centro Giovanile di Aggregazione e Informagiovani quale luogo deputato allo svolgimento delle attività di presa in carico dei beneficiari e delle attività di orientamento e accompagnamento allo start up di impresa.  Il Centro di Sulmona sarà quindi utilizzato non solo come Centro di aggregazione ma anche dai soggetti beneficiari individuati nell’ambito del progetto” precisa il vice sindaco. “Con delibera di Giunta, numero 21 del 16 febbraio 2021, l’amministrazione ha provveduto a dare mandato alle ripartizioni competenti affinché venissero attuate tutte le misure di manutenzione ed arredo e a dare indirizzo affinché le attività del progetto Agorà non interferiscano con quelle proprie del Centro, che dovranno comunque riprendere. Quindi, a ben vedere, nessuna interruzione delle attività del Centro. Corre l’obbligo  ribadire che, ancora attualmente, le attività del Centro sono impedite dalla vigenza di provvedimenti emergenziali adottati dalle competenti autorità governative. Le polemiche infondate e prive di supporto documentale e fattuale, lasciano pertanto alquanto stupiti in quanto in frontale contrasto con la volontà, l’operato e gli atti adottati dalla Amministrazione. Non mi esimo comunque, per la massima correttezza a cui ho improntato il mio incarico” conclude il vicesindaco “ringraziare la Cooperativa gestore del servizio, per quanto fatto sino ad ora” conclude Bianco.