ATTIVISTI M5S: UNICO SPAZIO GIOVANILE GRATUITO CHIUSO, ALTRA COLPA DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

“L’amministrazione comunale attuale verrà ricordata non solo per la sua incapacità di programmazione delle  politiche giovanili, ma anche per aver chiuso l’unico spazio gratuitamente fruibile alle nuove generazioni”. L’accusa viene da Angelo D’Aloisio, coordinatore degli Attivisti del M5s, alla luce della chiusura del Centro di Aggregazione Giovanile. “Sappiamo bene che questa scelta è dovuta alla convenzione scaduta tra la cooperativa N.O.S. e il Comune stesso, ma non comprendiamo assolutamente il ritardo nel rinnovo o di un nuovo bando per la gestione del centro di aggregazione” precisa l’esponente pentastellato. “La chiusura del centro di aggregazione purtroppo va a sommarsi a tutti gli spazi chiusi in città che invece, con una attenta politica gestione, potrebbero essere a disposizione dei giovani di questa città che sono invece sempre più abbandonati a un tempo libero da trascorrere davanti uno smartphone o dietro un pc” afferma D’Aloisio. “Come Movimento 5 Stelle riteniamo invece che tutte quelle attività inclusive e di scambio culturale che il centro di aggregazione giovanile proponeva vadano potenziate e arricchite con più investimenti da parte dell’amministrazione comunale. Investimenti che sono resi possibili da tutti quei bandi, come ad esempio l’ultimo promosso dall’A.N.C.I “Fermenti in Comune” dai quali avremmo preferito un maggiore coinvolgimento delle risorse locali da parte di questa amministrazione” continua il coordinatore degli Attivisti M5S. “Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai giovani che frequentavano il centro di aggregazione giovanile garantendo loro che il Movimento 5 Stelle all’interno del prossimo programma elettorale delle amministrative, ha già previsto progetti per un rilancio strutturale delle politiche giovanili nelle quali i giovani saranno finalmente parte integrante e non solo serbatoi di voti” conclude D’Aloisio.