I MEDICI CHIEDONO ALL’ASSESSORE VERI’ E A LA PORTA DI RESTITUIRE PIENA DIGNITA’ ALL’OSPEDALE DI SULMONA

Punto nascita, medicina territoriale, concorsi per primari al centro dell’incontro tra il consigliere regionale della Lega, Antonietta La Porta, l’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì e medici ospedalieri e di base. “Ancora una volta ho chiesto all’assessore Nicoletta Verì di venire a toccare con mano la realtà di questo ospedale che può vantare una struttura antisismica, unica nel centro Sud, ma che, purtroppo, negli ultimi anni è stato depotenziato. Ad oggi sono tanti i problemi che penalizzano la nostra sanità. Basti pensare che l’ospedale di Sulmona ha un solo primario. Sono in continuo contatto con i medici  che ci chiedono un cambio di marcia ed io mi sto impegnando in questo senso affinchè  a questo ospedale venga restituita la dignità che merita” afferma Antonietta La Porta. Sono stati “gli addetti ai lavori” a snocciolare tutte le problematiche che riguardano vari reparti  “siamo medici, la mattina ci alziamo per andare a curare le persone e vogliamo un ospedale che sia degno di essere chiamato ospedale” e non è mancato un  appello alla politica “La distruzione di Sulmona è passata per la politica ed ora ci rivolgiamo alla politica per chiedere che vengano cambiate le cose” sottolinea l’esponente leghista. “L’assessore Verì  ha ascoltato con attenzione “la maggior parte dei vostri problemi sono problemi di gestione” ha detto ed a proposito della struttura antisismica  che, in caso di calamità, potrebbe essere indispensabile per tutta la regione ci ha tenuto a precisare:“Ho chiesto di attivare al più presto una pedana per l’elisoccorso che rappresenta la cosa principale per una struttura come questa” aggiunge La Porta. “E’ poi tornata sulla questione dei primari. “Ho dato subito l’ok per tutti i concorsi. Solleciterò il direttore generale affinché vengano espletati al più presto” ha sottolineato. Sulla medicina territoriale Verì ha tenuto a ricordare che l’Abruzzo sia stata fra le prime in Italia ad attivare le Usca per i malati di Covid con la finalità di decongestionare le strutture sanitarie. Per quanto riguarda il punto nascita l’assessore ha confermato l’impegno per scongiurare la chiusura e di continuare anche a livello ministeriale la battaglia per far rivedere i parametri del decreto Lorenzin. “E’ stato un momento di confronto con medici di questo territorio.  Abbiamo ascoltato i loro problemi, accolto le loro istanze che andremo ad elaborare e gestire nel più breve tempo possibile.  Siamo in attesa della nomina sia del direttore sanitario della azienda che del direttore amministrativo  perché  dobbiamo, insieme a loro, andare a determinare queste richieste – ha concluso La Porta – Condivido fermamente gli argomenti che sono emersi perché  è  importante  ridare priorità al territorio”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *