VILLAGGIO TURISTICO “FANTASMA” A SULMONA, SEQUESTRATI IMMOBILI PER UN MLN DI EURO E DUE DENUNCE

Sarebbe nato un avveniristico villaggio turistico a Sulmona, del valore di circa 70 milioni di euro. Progetto svanito poi nel nulla. Da quel progetto sono partite le indagini che questa mattina hanno portato la Guardia di Finanza della Compagnia di Sulmona al sequestro di dodici fabbricati e sei terreni. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica sono state finalizzate a contrastare l’evasione fiscale e le frodi. Il patrimonio sequestrato è di circa un milione di euro. Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sulmona da eseguire anche nella forma “per equivalente”. La complessa e tradizionale attività di verifica fiscale, giovandosi delle risultanze emerse da moderne strumentazioni tecnologiche, ha consentito di individuare un sistema di evasione e frode realizzato mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, la cui imposta detraibile, anziché essere versata all’erario veniva utilizzata a “compensazione”. Gli sviluppi investigativi, avvalorati dal ricorso alle indagini finanziarie e da mirati approfondimenti in vari istituti di credito, hanno dimostrato la fittizietà delle operazioni intercorse fra la verificata ed altra società fornitrice di prestazioni di servizi, con riguardo alla realizzazione del villaggio turistico. Il progetto è poi sfumato, senza lasciare traccia se non aver garantito al sodalizio favorevoli agevolazioni fiscali connesse alla detrazione dell’I.V.A..I beni sottoposti a sequestro, quali profitto del reato tributario commesso, potranno successivamente essere acquisiti in via definitiva al patrimonio dello Stato attraverso l’istituto della confisca. I due amministratori delle società, emittente e utilizzatrice delle fatture false, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per le ipotesi di reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *