PRATOLA, GIORNATA DELLA MEMORIA NEL NOME DI ROCCO DI PILLO

Nel nome del deportato politico Rocco Di Pillo, che patì persecuzioni negli anni più drammatici dell’ultimo conflitto mondiale, Pratola Peligna ha celebrato questa mattina il giorno della memoria. Con il semplice ma significativo gesto della deposizione di un mazzo di fiori nella strada intitolata allo stesso Di Pillo il Comune peligno e la cittadinanza hanno voluto onorare la memoria di quanti sono stati vittime delle atrocità del nazifascismo e di quanti hanno sacrificato la propria vita per ideali e valori di libertà e democrazia, oggi più che mai importanti per una società travagliata da tante violenze, soprusi e ingiustizie che ancora opprimono uomini e donne. Alla cerimonia hanno preso parte con i familiari dello stesso Di Pillo ed un folto gruppo di cittadini, il vice sindaco Nunzio Tarantelli ed il parroco della comunità di Pratola, padre Renato Frappi.