ESCURSIONISTI DISPERSI, CANE DEL SOCCORSO ALPINO TROVA UNA TRACCIA

Non si spegne ma anzi si riaccende la speranza di ritrovare i quattro escursionisti avezzanesi dispersi da tre gionri sul Velino. Infatti in alta montagna è stata individuata una traccia. Ad individuarla è stato un cane del servizio del Soccorso Alpino di Modena e si è scavato per ore ma senza esito. Alle 17 le ricerche sono state  sospese. Da questa mattina sono state lanciate microcariche esplosive che hanno cercato di muovere la neve alta fino a 10 metri in alcuni tratti. Nell’ambito della perlustrazione il cane ha trovato una traccia. Da qui è partita l’attività dei soccorritori che per circa tre ore hanno scavato intorno nella speranza di trovare altri elementi utili. Le ricerche riprenderanno domani mattina. L’area interessata è quella di Valle Majellama dove i quattro sembrano fossero diretti domenica. Non si sa se da lì hanno tentato di raggiungere il Colle del Bicchero da dove poi si esce all’aperto e si può vedere la sottostante Val di Teve e il Vallone dei Briganti. Il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio ha spiegato che si valuta, a partire da domani, la possibilità di utilizzare anche i mezzi meccanici per ricercare i dispersi che secondo quanto appreso dai soccorritori erano dotati di piccozze e ramponi. Si è riusciti, come segnalato da Lorenzo Gagliardi, comandante del soccorso alpino della guardia di Finanza di Roccaraso, ad aprire una breccia nella neve profonda, arrivando a quattro metri sotto il livello di superficie.