CENTRODESTRA DIVISO SU ASL, IL MANAGER NON CONFERMA CICOGNA E LA LEGA PROTESTA

Intorno all’Asl s’innesca una nuova polemica nella maggioranza regionale di centrodestra. La Lega non ha gradito infatti la scelta del direttore generale Roberto Testa, vicino a Fratelli d’Italia, che non ha confermato come direttore sanitario dell’Asl, Sabrina Cicogna, primario di Cardiologia all’ospedale San Salvatore dell’Aquila e direttore del dipartimento di Medicina dell’Asl. A protestare apertamente sul caso à stato sui social Luigi D’Eramo, coordinatore regionale leghista. Cicogna aveva preso il posto lasciato vacante da Simonetta Santini, per il raggiunto limite di età dei 65 anni. Il fattore età era determinante anche per Cicogna ieri ha compiuto anche lei i 65 anni. Occorreva entro ieri una conferma della nomina, prima del raggiunto limite di età, ma questo non è avvenuto. Da qui la polemica del leader regionale della Lega, contro Testa e quindi contro FdI, considerato che il direttore generale Asl è stato voluto dal presidente della Regione, Marco Marsilio, e dal sindaco Biondi, mentre i leghisti avevano sostenuto la candidatura di Ferdinando Romano.