DISPERSI SUL VELINO, SOSPESE LE RICERCHE PER IL MALTEMPO

Sono state per il momento interrotte le ricerche dei quattro escursionisti di Avezzano, dispersi da ieri sul monte Velino. La sospensione dell’operazione di ricerca si è resa indispensabile a causa della neve, della nebbia e del forte vento, che soffia da nord ovest e sta causando accumuli di neve e numerosi continui smottamenti. Le squadre di terra del Soccorso Alpino e Speleologico e quelle della Guardia di Finanza hanno dovuto per questo sospendere le ricerche dei dispersi, che ieri mattina erano partiti a piedi dal rifugio Casale da Monte per una passeggiata a Valle Majelama, non si sa ancora se diretti verso punta Trento o punta Trieste, le due cime del massiccio del Velino. Un ulteriore possibile indizio è il segnale di uno dei telefoni cellulari dei quattro, localizzato dalla Guardia di Finanza a quota 1800 metri, in prossimità del luogo dove stanotte le squadre di soccorso hanno identificato una valanga, all’incrocio tra la Valle Majelama e quella del Bicchero. Valanga che potrebbe essere anche dei giorni scorsi e segnale che non dimostra comunque che i quattro fossero esattamente lì in quel momento.