SACA, 12 MLN EURO DI FONDI PER OPERE STRATEGICHE DI MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO E TUTELA DELL’AMBIENTE

La Saca ha ottenuto un contributo di dodici milioni di euro tra fondi Fas e Fsc per la realizzazione di opere strategiche per il miglioramento del servizio, la tutela dell’ambiente e della risorsa idrica. A renderlo noto è il consiglio d’amministrazione della società del settore idrico precisando che sono stati attivati due mutui, rispettivamente di un milione e centomila euro e di un milione e seicentomila euro, operazioni improrogabili e necessarie in ragione del fatto che hanno contribuito a cofinanziare il consistente contributo che la società non poteva in alcun modo rischiare di perdere. Riguardo alla vicenda della sede della società, il cda precisa che non c’è nessun mistero. “La Saca ha intrapreso un percorso congiunto con la società Cogesa per la ricerca di un immobile da adibire a sede comune e creare economie di scala, procedura che si è conclusa con un nulla di fatto in ragione della inidoneità allo scopo delle proposte pervenute – ricordano gli amministratori della società – Successivamente la Saca ha pubblicato una nuova indagine di mercato, non vincolante per la società, finalizzata a raccogliere eventuali manifestazioni di interesse aventi ad oggetto immobili da adibire a sede sociale. L’istruttoria della suddetta procedura è stata ultimata dal Rup nei tempi previsti ed è stata rimessa all’attenzione del consiglio di amministrazione che sta operando le opportune e necessarie valutazioni in termini di sostenibilità ed idoneità all’esito delle quali potranno essere attivati i relativi procedimenti autorizzatori”. “Precisando che, ad ogni modo, la Saca si trova a svolgere la propria attività in quello “stabile privato” in ragione di una decisione presa nell’ormai lontano 2009 dall’allora consiglio di amministrazione, una cosa certa è che tra gli obiettivi di questa amministrazione vi è quello della ricerca e dell’acquisto di una sede, obiettivo su cui si continua a lavorare e che dovrà essere raggiunto unitamente al recupero degli squilibri economici delle gestioni pregresse e nel rispetto dei criteri di sostenibilità, priorità degli obiettivi strategici e salvaguardia degli equilibri di bilancio” conclude il cda.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *