BLITZ ANTIDROGA: ARRESTI CONVALIDATI DAL GIP, IL GIOVANE SULMONESE SCARCERATO

E’ stato scarcerato questa mattina il giovane sulmonese Lorenzo Anzellotti, arrestato dalla Polizia nella serata di lunedì scorso, 4 gennaio, insieme ad Ernesto Sottile, cinquantenne della provincia napoletana, accusati entrambi di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Ma il napoletano resta in carcere. Il Gip del Tribunale di Sulmona, Marco Billi, convalidato l’arresto, ha rimesso in libertà il giovane. Il ventisettenne sulmonese, assistito dall’avvocato Stefano Michelangelo, ha respinto ogni accusa. Il giovane ha precisato che la sua presenza a Pratola Peligna non ha avuto alcuna relazione con quella del napoletano. Ha quindi escluso ogni responsabilità. Al giudice ha riferito di essersi recato a Pratola Peligna per fare acquisti nel supermercato alle porte della cittadina e poi di aver fatto rifornimento di benzina, come attestato dallo scontrino rilasciato dal distributore. Nel corso dell’udienza di convalida, da remoto, il giovane inoltre ha precisato al giudice che dopo essere stato a Pratola, al supermercato prima e al distributore di benzina subito dopo, ha ripreso la strada del ritorno a casa, per cenare con la sua ragazza. Anzellotti si è quindi difeso sostenendo che nessuna consegna di stupefacente sarebbe avvenuta per lui da parte dell’altro arrestato. Sottile, presunto fornitore della cospicua partita di droga, da parte sua si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giudice per lui ha disposto la permanenza in stato di detenzione, nel carcere di Vasto, dove era stato portato lunedi scorso insieme ad Anzellotti. La Polizia ha sequestrato un panetto di cocaina di alta qualità del peso di 407 grammi, confezionato in una busta ermetica sotto vuoto protetta da uno strato di senape e maionese, allo scopo di eludere eventuali controlli da parte delle unità cinofile e cinque telefoni cellulari, oltre ad una pistola “Softair”. Dagli accertamenti sui telefonini potrebbero scaturire novità importanti per le indagini condotte dalla Polizia.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *