EMERGENZA NEI PENITENZIARI, SINDACATI PROCLAMANO STATO DI AGITAZIONE

I sindacati di Polizia Penitenziaria proclamano lo stato di agitazione, annunciando proteste per sensibilizzare istituzioni e forze politiche regionali e nazionali sullo stato di emergenza dei penitenziari abruzzesi, a cominciare da quello di Sulmona. Nelle scorse settimane Cgil, Cisl, Uil, Osapp, Sappe e Uspp, nelle scorse settimane avevano ravvisato la necessità di reperire il personale di Polizia Penitenziaria, da dover destinare agli Istituti di Sulmona e Lanciano, visto anche l’avvicendamento del Gruppo Operativo Mobile che, inequivocabilmente, ha contribuito in modo apprezzabile alla grave situazione di emergenza della casa penale di Sulmona, proponendo però l’istituzione di una“Task force”, senza depauperare il personale di Istituti del distretto Lazio, Abruzzo e Molise che già soffrono di precarie ed inevitabili carenze organiche, oltre alla valutazione dell’utilizzo di personale del Gom per la gestione dell’emergenza, la questione organizzativo-logistica dei piantonamenti di detenuti in luoghi di cura
esterni e altre problematiche, sempre correlate all’emergenza sanitaria, in seno ai restanti Istituti della regione,
le organizzazioni sindacali chiedono di attivare impellenti attività riparative fino a cessata emergenza.