“FONDI SCIPPATI ALL’OSPEDALE, LEGA SCONCERTANTE”: SCOCCIA E MARIANI RIBADISCONO ACCUSE

Non ci stanno i consiglieri regionali Marianna Scoccia e Sandro Mariani alla difesa del capogruppo della Lega, Vincenzo D’Incecco, sui fondi scippati a danno del completamento del nuovo ospedale dell’Annunziata di Sulmona. “Sconcertante il comunicato stampa del capogruppo Lega che, di fatto, non fornisce nessuna risposta sulla, evidentemente nodosa, questione che gli è stata sottoposta”“É stato proprio lui il firmatario di un vero e proprio scippo ai danni della Valle Peligna: ha modificato il più importante documento programmatico regionale aggiungendo un paragrafo di poche righe dal titolo: “Edilizia Sanitaria ex art. 20 legge 67/1988” e con queste poche righe ha letteralmente sottratto 40 milioni di euro dal fondo edilizia sanitaria a discapito, verosimilmente, degli ospedali minori inseriti nella programmazione prodotta dalla precedente Giunta nel 2018” ribadiscono Scoccia e Mariani. “Medesima sorte potrebbe toccare anche al nuovo ospedale di Giulianova visto che, sempre nella programmazione ex articolo 20, era prevista anche la realizzazione del nuovo nosocomio giuliese” proseguono Scoccia e Mariani. “Perché in Commissione Bilancio, sede d’elezione di confronto politico, quando abbiamo sollevato la suddetta problematica il capogruppo D’Incecco è rimasto in silenzio tombale?” concludono i due esponenti di opposizione – immaginiamo che escludere il contraddittorio sia pratica più agevole per chi, come lui, si trova nella scomoda posizione di dover giustificare la solita “sveltina” ai danni degli abruzzesi”.