“ZONA ARANCIONE, CONFUSIONE VOLUTA DAL GOVERNO REGIONALE”, M5S ACCUSA MARSILIO

“Il passaggio da zona rossa ad arancione, annunciato dal presidente Marsilio, per di più nel tardo pomeriggio di domenica, è la sintesi perfetta di una gestione confusionaria che punta più alle logiche di consenso che al buonsenso”. Sullo stop del governo all’ordinanza della Regione interviene il gruppo consiliare regionale del Movimento Cinque Stelle, accusando il governo della Regione. “Mentre si gioca con la propaganda, ci sono migliaia di esercenti che domattina alle 8 non sanno cosa fare. Ed è bene ricordare che le sanzioni a carico di chi apre in zona rossa sono salatissime. Si continua a voler anticipare o prevedere le decisioni del Ministero lasciando gli abruzzesi in balia di informazioni discordanti tra la Regione e il Governo – affermano i pentastellati – Una confusione creata ad hoc, come quando si è voluta anticipare a tutti i costi la zona rossa, per nascondere sotto al tappeto i risultati di una gestione pessima dell’emergenza alimentando uno scontro istituzionale che non fa certo bene agli abruzzesi”. “Chi troppo spesso si riempie la bocca chiedendo di collaborare con la giunta regionale di fatto ostacola il lavoro dei Ministeri. L’Abruzzo ha bisogno di una guida responsabile e non di azioni irresponsabili di chi cerca consenso politico a danno di persone che da mesi sono provate” concludono i consiglieri regionali M5S.