L’INFETTIVOLOGO GRIMALDI: DAI GIOVANI LA DIFFUSIONE DEL COVID IN PROVINCIA DELL’AQUILA

La diffusione del virus in provincia dell’Aquila, che oggi ha un triste primato in fatto di positivi e decessi, è partita dai giovani, nell’estate scorsa, tra assembramenti, feste e manifestazioni di socialità. A sostenerlo è il primario del reparto di malattie infettive del San Salvatore dell’Aquila, Alessandro Grimaldi, tracciando il punto della situazione, con l’impennata dei contagi da coronavirus che ha messo in ginocchio il sistema sanitario, dall’Aquila fino a Sulmona e Avezzano. “Con le scuole e con il rientro nelle famiglie i giovani hanno trasmesso il contagio” precisa il primario, sottolineando che questa ricostruzione delle origini della diffusione potente del virus emerge dall’analisi del tracciamento dei tamponi. Le dichiarazioni dell’infettivologo devono quindi indurre tutti, a cominciare dai più giovani, alla massima prudenza e al senso di responsabilità, per fermare il contagio ed evitare altri gravi danni alla salute propria ed altrui, tenendo conto che il virus, colpendo in particolare gli anziani, può spesso avere esiti letali.